Eyes Wide Shut cinematographe.it

A quanto pare Tom Cruise non fu la prima scelta del regista per interpretare il protagonista in Eyes Wide Shut

E alla fine si scopre che Tom Cruise non è stata la prima scelta di Stanley Kubrick per recitare nel suo ultimo film Eyes Wide Shut. Abbiamo infatti appreso che il celebre regista voleva un attore con “la capacità comica” come Bill Murray, Tom Hanks o Steve Martin.  Tutto vero.

In una nuova biografia sul defunto regista intitolata Stanley Kubrick: American Filmmaker di David Mikics si legge che: “Negli anni Settanta Kubrick fantasticava di scegliere un attore in Dream Story che avrebbe avuto la perseveranza di un comico, immaginando Steve Martin o Woody Allen nei ruolo. In un taccuino degli anni Ottanta ha elencato una serie di possibili protagonisti, tra cui figurano Dustin Hoffman, Warren Beatty, Alan Alda, Albert Brooks, Bill Murray, Tom Hanks e Sam Shepherd”.

Leggi anche: Cate Blanchett ha fatto segretamente parte dell’orgia di Eyes Wide Shut

Basato sul romanzo Traumnovelle del 1926 di Arthur Schnitzler, la storia viene però trasferita dalla Vienna dei primi anni del XX secolo alla New York degli anni ’90. Il film segue le avventure sessuali del dottor Bill Harford, che è scioccato quando sua moglie, Alice, rivela che aveva pensato di avere una relazione extra coniugale un anno prima. Quindi la coppia si imbarca in un’avventura di una notte, durante la quale si infiltra in un’enorme orgia in maschera di una società segreta senza nome.

Eyes Wide Shut Cinematographe

Dai forti contenuti sessuali, il film vanta un indice di approvazione del 75% su Rotten Tomatoes con un consenso unanime della critica che lo descrive così: “L’intenso studio di Kubrick sulla psiche umana produce un impressionante lavoro cinematografico“.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE