emilia clarke cinematographe

Una cena virtuale, sia chiaro, ma pur sempre una cena in compagnia di Emilia Clarke!

Dodici fortunati potranno cenare con la Madre dei Draghi. Emilia Clarke de Il Trono di Spade chiede a tutto il mondo di donare soldi a SameYou, la sua organizzazione benefica che aiuta le persone a riprendersi da lesioni cerebrali e ictus. La nuova iniziativa dell’organizzazione mira a creare letti per i pazienti con coronavirus e aiutare le persone a riprendersi da lesioni cerebrali a casa per liberare più letti. Dodici donatori saranno scelti casualmente per una cena virtuale con l’attrice. “Cucineremo e mangeremo insieme. Discuteremo di molte cose: isolamento, paura, video divertenti. Non so veramente cucinare, per cui sarà divertente!” dice l’attrice nel video postato sui social.

L’interprete di Daenerys Targaryen spera di raccogliere £ 250.000 per SameYou. La nuova iniziativa è in collaborazione con lo Spaulding Rehabilitation Hospital nel Massachusetts e l’University College London Hospital.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Dearest ones, from my isolation booth I write to you with a plea for help! Due to the current frightening and ever changing coronavirus emergency please would you help me raise £250,000, by donating through the link in my Bio, to provide stroke and brain injury patients with essential support!! This fund will also help in freeing up the hospital beds needed to deal with the pandemic, to care for those who also need a space to heal. 100% of your generosity will fund virtual rehab clinic support in the coming weeks… a very big task and a very big ask but you are all very big hearted souls so I know you’ll want to help me help them! ❤️🏆❤️ @sameyouorg #togethertogethertogether

Un post condiviso da @ emilia_clarke in data:

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE