Dune: Denis Villeneuve spiega perché il film sarà diviso in due parti

Il regista di Dune, Denis Villeneuve, ha spiegato la scelta di dividere la storia in due film. L'uscita della prima parte è prevista per dicembre 2020.

Cresce l’attesa per l’uscita di Dune, remake del film che vedrà nel cast anche Timothée Chalamet e Jason Momoa

Nelle ultime ore, il web è impazzito per le immagini di Dune, il film diretto da Denis Villeneuve che riporterà sul grande schermo il romanzo di Frank Herbert del 1965, ripetendo quanto fatto da David Lynch nel 1984. Una serie di anticipazioni visive che non hanno fatto altro che aumentare a dismisura l’hype per l’opera fantascientifica, già alle stelle da quando venne annunciato il nome del regista che si sarebbe occupato del remake.

Le prime immagini ufficiali dell’adattamento di Denis Villeneuve

Denis Villeneuve, infatti, aveva avuto già modo di mettere in risalto il proprio talento attraverso film come Arrival e Blade Runner: 2049. La curiosità per Dune, inoltre, non può che aumentare se si considera l’idea del regista di dividere la storia in due parti, lasciando intuire che, in questo modo, verrà resa giustizia ad ogni dettaglio della storia raccontata da Herbert. La sceneggiatura del secondo film è già in fase di scrittura, mentre l’uscita della prima parte è prevista per dicembre 2020, anche se l’emergenza Coronavirus fa pensare ad uno slittamento della distribuzione nelle sale. A Vanity Fair, il regista ha ammesso che non avrebbe firmato per la realizzazione del film se non gli avessero permesso di raccontare la storia in due parti.

Non accetterei di realizzare questo adattamento del libro con un singolo film. Il mondo è troppo complesso. È un mondo che assume il suo potere nei dettagli.

Insomma, Denis Villeneuve ha grandi piani per Dune: non solo due film, ma anche una serie tv per HBO Max. Si tratterebbe di uno spin-off al femminile, intitolato Dune: Sistehood, incentrato sul Bene Gesserit, con il regista canadese che si occuperebbe di una parte delle riprese. Inizialmente, anche Jon Spaiths avrebbe dovuto far parte del progetto ma il co-sceneggiatore di Dune ha scelto di concentrarsi esclusivamente sulla stesura del secondo film. La produzione del sequel non è ancora ufficiale e molto dipenderà dal successo della prima parte: Villeneuve dovrà fare i conti con i fan del romanzo, rimasti decisamente delusi dall’adattamento di Lynch. Secondo il regista di Sicario, la chiave per la riuscita dell’adattamento cinematografico risiede proprio nella divisione della storia.

Coronavirus, David Lynch: “La natura ha detto basta. Saremo più gentili.

Ricordiamo che sarà Timothée Chalamet ad interpretare il protagonista Paul Atreides. Nel cast di Dune troviamo anche Rebecca Ferguson nei panni di Lady Jessica, Oscar Isaac nei panni del Duca Leto Atreides, Josh Brolin come Gurney Halleck, Stellan Skarsgård nei panni di Vladimir Harkonnen, Dave Bautista come Glossu Rabban, Zendaya come Chani, David Dastmalchian come Piter De, Stephen McKinley Henderson, Charlotte Rampling come Gaius Helen Mohiam, Jason Momoa come Duncan Idaho, Javier Bardem come Stilgar e Chang Chen nei panni del Dr. Wellington Yueh.

Articoli correlati