Don’t Look Up e la scena dopo i titoli di coda alternativa

Originariamente McKay aveva pensato ad un altro modo per chiudere il suo irriverente film.

Don’t Look Up è un trionfo su Netflix!

Don’t Look Up è il nuovo lungometraggio scritto e diretto da Adam McKay, cineasta statunitense noto per aver portato apprezzati film sul grande schermo come Vice – L’uomo nell’ombra (2018), La grande scommessa (2015) e molto altro ancora. La nuova pellicola dell’autore è un vero e proprio inno contro l’umanità che viene rappresentata come fragile ed incline a credere alle più indicibili fandonie: che stia parlando di coronavirus o di ecologia poco importa, il ritratto che ne esce fuori è davvero impietoso. Vi avvisiamo che stiamo per fare degli SPOILER riguardo il titolo, quindi, se non avete ancora visto la realizzazione, non proseguite oltre per non rovinarvi il tutto.

Don't Look Up, cinematographe.itTra le sequenze emblematiche di Don’t Look Up c’è proprio quella dopo i titoli di coda, che raffigura Meryl Streep completamente nuda mentre, quando sbarca con tutti i sopravvissuti alla cometa su un pianeta alieno (anche loro senza vestiti perché risvegliati da un sonno criogenico), viene divorata da un brontaroc, una strana creatura. Ebbene, come riportato da The Independent, all’inizio non doveva andare proprio così. Adam McKay ha infatti spiegato che nella scena doveva esserci una gag con tutti gli imprenditori rimasti in vita che litigavano e si azzuffavano riguardo i loro rispettivi patrimoni.

Ovviamente tale sequenza di Don’t Look Up non la vedremo mai, ma siamo pronti a scommettere che è più divertente quella del pasto del misterioso animale, non trovate? Don’t Look Up è prodotto da BluegrassHyperobject Industries con la distribuzione di Netlix. Il cast, invece, è composto da nomi del calibro di Leonardo DiCaprio nei panni del Dr. Randall Mindy, Jennifer Lawrence che incarna dott.ssa Kate Dibiasky, Rob Morgan che presta il volto al dott. Clayton “Teddy” Oglethorpe, Jonah Hill (Jason Orlean) e molti altri ancora. Il film è arrivato su piattaforma il 24 dicembre, con una distribuzione limitata nelle sale a partire dall’8 dicembre.

Leggi anche Editoriale | Don’t look up e l’urlo di Leonardo DiCaprio. Un moderno Munch? 

Articoli correlati