Daniel Craig ritiene che James Bond non debba essere interpretato da una donna

Il divo inglese, che interpreterà per l'ultima volta 007 in No Time to Die, ha una motivazione molto profonda a tal proposito.

Da leggere

Marvel: Sony annuncia due nuovi film per il 2023

La Sony continua ad ampliare il suo Universo di Personaggi Marvel. Altri villain di Spider-Man in arrivo? Il Sony Pictures...

Avete visto il padre di Ryan Reynolds? Era un poliziotto ed è morto di morbo di Parkinson all’età di 74 anni

Anche nelle vite di successo si possono nascondere grandi dolori. Lo sa bene Ryan Reynolds, uno degli attori più...

Spider-Man: No Way Home, la cover di Empire spoilera un nuovo villain?

La nuova cover di Empire Magazine dedicata a Spider-Man: No Way Home sembra confermare la presenza di un altro...

Block title

Daniel Craig ha visione molto particolare del personaggio

Daniel Craig lo conosciamo tutti principalmente per la sua interpretazione dell’affascinante e letale agente segreto britannico James Bond, ideato dalla penna di Ian Fleming nel 1953 e apparso, per la prima volta, nel romanzo Casino Royale. Il divo, che nel corso della sua carriera ha collaborato a progetti come The Pusher (2004), La bussola d’oro (2007), La truffa dei Logan (2017) e molti altri, si appresta, con No Time to Die, a dire addio al personaggio di 007, visto che la realizzazione è l’ultima in cui apparirà in queste vesti.

no time to die, daniel craig

Da tempo, ovviamente, si sta spettegolando su chi andrà a sostituire Daniel Craig nei panni di Bond in futuro e abbiamo diversi possibili candidati come Tom Hardy, Regé-Jean Page, Cillian Murphy e altri. In una recente intervista per Radio Times, Craig stesso ha parlato della faccenda, sostenendo che il ruolo, a detta sua, non dovrebbe essere interpretato da una donna. La dichiarazione, riportata così, non suona proprio benissimo, ma il divo ha spiegato perfettamente le sue motivazioni. Dal suo punto di vista, infatti, le donne, più che incarnare 007, nei prossimi capitoli della saga dovrebbero avere la possibilità di interpretare parti altrettanto importanti come quelle di Bond, ma non Bond stesso e il motivo è presto detto: tradizionalmente, come detto dalla produttrice Barbara Broccoli, 007 è un uomo di qualsiasi etnia.

Non si tratta chiaramente di maschilismo o misoginia, ma semplicemente il tutto è da attribuire a come è stata concepita la figura da Fleming stesso e poi rivista nel franchise cinematografico, lasciando poco spazio di manovra per attrici femminili. Daniel Craig si prepara quindi al suo addio, anche se sarà difficile immaginare il 26esimo capitolo senza la sua presenza, che, fin dal 2006 ci ha accompagnato con la sua versione della spia più famosa del mondo.

Leggi anche James Bond: per Pierce Brosnan i migliori successori sono Idris Elba e Tom Hardy

 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Marvel: Sony annuncia due nuovi film per il 2023

La Sony continua ad ampliare il suo Universo di Personaggi Marvel. Altri villain di Spider-Man in arrivo? Il Sony Pictures...

Articoli correlati