Christopher Nolan: “In Dunkirk non ho usato green screen”

Il regista parla della complicata realizzazione del suo ultimo film e della sua ossessione per l'autenticità

L’attenzione di Christopher Nolan per l’autenticità di Dunkirk lo ha spinto a portare il cast e la troupe del suo epico film sulla Seconda Guerra Mondiale sulle reali spiagge francesi, dove le forze alleate hanno strappato la vittoria dalle grinfie della sconfitta. Anche se i combattimenti si sono conclusi decenni e generazioni fa, c’erano ancora mine terrestri e altri dispositivi esplosivi dell’epoca, a fiancheggiare il litorale e il porto.

“Ogni volta che avevamo bisogno di realizzare una delle nostre esplosioni, prima abbiamo fatto un’esplosione controllata per controllare il risultato”, ha detto Nolan durante una sessione di domande e risposte al Toronto International Film Festival. “Quando pensi a quanto tempo fa tali fatti siano accaduti, ti rendi conto della grandezza del loro impatto, i cui effetti ancora persistono”.

Nolan ha celebrato il 50 ° anniversario della IMAX (il film è stato girato utilizzando le telecamere dell’azienda). L’evento è giunto nel bel mezzo della campagna Oscar della pellicola, che ha ottenuto grandissimi risultati al box office, guadagnando quasi 500 milioni di dollari a livello mondiale.

Dunkirk: l’ossessione di Christopher Nolan per l’autenticità

L’esigenza di autenticità da parte di Nolan non si è estesa solo alla scelta delle location per Dunkirk. Ha anche utilizzato le vere cisterne, mettendo i suoi attori sullo stesso tipo di navi in cui sarebbero stati, mentre cercavano di attraversare il canale inglese con le forze naziste alle calcagna.

“Potresti realizzare una perfetta versione CG [di una nave], ma non sembrerebbe mai reale”, ha detto Nolan.

Nolan ritiene che il suo lavoro di regista sia quello di cercare di ricreare il più possibile fedelmente le sensazioni di chi si è davvero trovato in mezzo alla battaglia. “Migliora le performance”, ha detto. Ciò significa che quando attori come Fionn Whitehead e Harry Styles si spostano sotto i bombardamenti aerei, non lo fanno nel comfort di uno studio.

“Quando quei ragazzi sono là fuori in quelle spiagge e le esplosioni stanno deflagrando, loro sono esattamente là” ha detto Nolan. “Non c’è green screen. Sono dentro uno scenario reale. “

Dunkirk è un’epica esperienziale. Dedica poco tempo all’esplorazione della situazione politica e militare che ha portato all’evacuazione. Invece il film immerge gli spettatori nel cuore della battaglia, accompagnando giovani soldati in una lotta disperata per la sopravvivenza. Nolan ha ritenuto che il modo migliore per ottenere l’impatto desiderato fosse quello di evitare di scadere nel troppo esplicito.

“Volevo portare le persone sulla spiaggia, metterle nella cabina di pilotaggio di un incendio”, ha detto, aggiungendo, “non volevo semplificare le cose mostrando dei genearali in una stanza intenti a muovere pedine sulle mappe. … Quando si guardano i grandi film storici della seconda guerra mondiale, tende ad essere questo l’aspetto che li penalizza”.

Articoli correlati