Christopher Nolan svela il “vantaggio” che ha avuto nei suoi Batman

Christopher Nolan è convinto che, dai tempi di Batman Begins, ha avuto un lusso che i registi di oggi non possono più permettersi.

Da leggere

Jenny Tamburi e quella spietata malattia che ha portato via l’icona della commedia sexy a soli 53 anni

Tutti la conoscevano come Jenny Tamburi e per anni Luciana della Robbia - vero nome dell'attrice italiana - è...

Stephen Sondheim – amici e colleghi lo ricordano con affetto: “É la fine di un’era”

Da Hugh Jackman a Steven Spielberg, i tweet più commoventi sulla morte di Stephen Sondheim Stephen Sondheim, leggendario compositore di...

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Block title

Nonostante ormai sia stato inaugurato l’imponente DCEU, la trilogia che Christopher Nolan dedicò al Cavaliere Oscuro rimane una delle opere più apprezzate dagli amanti di Batman e dei fumetti in generale.

Con i suoi tre film, Christopher Nolan è riuscito a dare una nuova luce ai supereroi sul grande schermo e per farlo si è preso i suoi tempi, iniziando quel viaggio nel 2005, con Batman Begins, proseguendolo con Il Cavaliere Oscuro, del 2008, e terminata firmando Il Cavaliere Oscuro – Il ritorno nel 2012. Tre film nell’arco di otto anni; un modo di lavorare che ormai, nella mastodontica macchina degli universi condivisi, è impensabile e che per il regista di Interstellar ha rappresentato proprio il punto di forza della sua trilogia:

“È un privilegio e un lusso che i registi non possono più permettersi. Penso che sia stata l’ultima volta in cui qualcuno è stato in grado di dire a uno studio: ‘Potrei farne un altro, ma ci vorranno quattro anni.’ C’è troppa pressione sulle uscita per consentire alle persone di farlo oggi, ma creativamente è un grosso vantaggio. Abbiamo avuto il privilegio e il vantaggio di crescere come persone e come narratori e poi riunire la famiglia.”

Guardando i suoi film, è lampante come il tempo per Christopher Nolan ruoli un gioco fondamentale, non solo perché tema onnipresente nella sua cinematografia, ma anche perché elemento insindacabilmente necessario affinché si possa offrire al pubblico un’opera ben studiata e conseguentemente realizzata. E voi, cosa ne pensate? Il DCEU ne gioverebbe se si prendesse un po’ più di tempo per studiare il futuro del proprio franchise?

[amazon_link asins=’B01CPLZ4FC,B00O4VQJQA,B014D0Z6F6,B01FMMBC5C,B00AENXXFC,B01J41DHSC,8893514915′ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’94db6ce0-d918-11e7-805b-a3ac2c3d8942′]

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Jenny Tamburi e quella spietata malattia che ha portato via l’icona della commedia sexy a soli 53 anni

Tutti la conoscevano come Jenny Tamburi e per anni Luciana della Robbia - vero nome dell'attrice italiana - è...

Articoli correlati