Harvey Weinstein, Cinematographe.it

Quasi 47 milioni di dollari, questa la richiesta di patteggiamento da parte dei legali di Harvey Weinstein. Il giudice rifiuta

Un giudice federale ha respinto la richiesta dei legali di Weinstein. Gli avvocati dell’ex mogul cinematografico avevano proposto un accordo da 46,8 milioni di dollari per i casi di cattiva condotta sessuale dell’uomo, affermando che alcuni dei termini sono “improponibili” e non sono adatti per una class action.

Martedì 14 luglio 2020, in un’audizione durata 20 minuti, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Alvin Hellerstein ha dichiarato che l’accordo annullerebbe in modo improprio i reclami delle parti non partecipanti e delega le sue responsabilità di giudice a uno special master. Ha anche obiettato che Weinstein e altri direttori e funzionari della Weinstein Co. riceveranno milioni in spese legali.

L’idea che Harvey Weinstein possa ottenere un fondo per la difesa davanti alle parti offese è improponibile. L’idea che si possano regolare le affermazioni di persone non coinvolte nell’accordo è assurda e io non posso rendermi partecipe di questa cosa. Non tutte le donne coinvolte in questi casi sono state abusate allo stesso modo. Alcune hanno rinunciato ai loro corpi a causa di minacce, altre sono state forzate, altre ancora hanno acconsentito, mentre questo patteggiamento creerebbe un trattamento egualitario non accettabile. Dal momento che non si tratta di un’azione di classe, non darà l’approvazione preliminare all’accordo.

La decisione è stata una sorpresa per gli avvocati che hanno cercato di risolvere i contenziosi tra Weinstein e varie compagnie assicurative. All’udienza del tribunale circa un’ora dopo che Hellerstein aveva affondato l’accordo, alcuni degli avvocati in quel caso non avevano ancora sentito la notizia.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE