Captain Marvel: i registi parlano della sessualità di Carol Danvers

I registi della pellicola parlano della sessualità di Carol Danvers (interpretata da Brie Larson). 

Da leggere

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Ayla – la figlia senza nome: la storia vera del film di Can Ulkay

Ayla - la figlia senza nome è un film del 2017 diretto da Can Ulkay. Ambientato durante la guerra...

L’uomo dei Ghiacci: la spiegazione del film con Liam Neeson

Arriva Liam Neeson e con un pugno salva tutti. Più o meno. Diciamo che L'uomo dei Ghiacci fa un lungo giro...

Block title

I registi di Captain Marvel rispondono ai fan che sperano che sia lei il primo personaggio gay del MCU

Da quando è stato rilasciato Captain Marvel, i fan hanno fatto il tifo per lei affinché diventasse il primo supereroe gay del Marvel Cinematic Universe. Ora, i registi della pellicola, rispondono alla richiesta dei fan e parlano della sessualità di Carol Danvers (interpretata da Brie Larson).

Il film non ha mostrato nessuna sotto-trama romantica per l’eroina, ma sia i fratelli Russo e Brie Larson hanno a lungo parlato della necessità per il MCU di mostrare sullo schermo un eroe apertamente gay. Le supposizioni dei fan sono subito partite a mille, e sul web sono state pubblicate diverse immagini che ritraggono Carol insieme a Valchiria. In ogni caso, molti sperano che sia proprio Carol ad essere la prima eroina lesbica dei Marvel Studios.

Nulla è stato confermato, ma i registi Anna Boden e Ryan Fleck hanno detto questo:

È una di quelle cose di cui stavamo discutendo nella fase di scrittura, il cielo era il limite per noi e il film poteva essere qualsiasi cosa. Abbiamo pensato anche a una relazione romantica per il personaggio. Non c’è stata un’opposizione nel perseguire quella trama, si trattava solo di scoprire cosa volevamo raccontare. E la risposta è stata che volevamo raccontare una storia di auto scoperta e volevamo che l’amicizia con Maria fosse davvero speciale e importante. Non c’era posto per ogni sfumatura romantica per noi. Sappiamo che le persone hanno tratto le loro conclusioni e questo fa parte del gioco, i film che facciamo sono per il pubblico e possono creare qualunque narrazione loro vogliano, ma ciò deve accadere off screen. Per noi, si trattava di una storia di scoperte e di amicizia.

ViaCB

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Articoli correlati