Ca’ Foscari Short Film Festival 2022: la 2a giornata fra sperimentazione e cinema messicano

Tanti sono stati gli appuntamenti della 2a giornata del Ca' Foscari Short Film Festival, fra cui i programmi su Barry Purves e Yukiko Mishima.

Prosegue il Ca’ Foscari Short Film Festival 2022, la cui seconda giornata si è aperta all’insegna del cinema messicano. Il programma “On Tutorials, Stereotypes and Body Visions“, presentato dalla curatrice e video-artista Corinne Mazzoli, ha portato sul palco dell’Auditorium Santa Margherita i lavori realizzati durante uno workshop che lei stessa ha tenuto presso la Universidad Iberoamericana en Puebla, in Messico. Gli studenti del workshop, a cui ha collaborato anche Alma Elena Cardoso, hanno avuto la possibilità di addentrarsi nel mondo dei tutorial, centrale nella realtà digitale odierna. 

A seguire, il VideoConcorso “Francesco Pasinetti” ha festeggiato la sua diciannovesima edizione, proponendo opere sperimentali firmate da registi emergenti e professionisti del cinema. Sotto la direzione di Michela Nardin e Daniela Mazzoli, le opere realizzate in collaborazione con le scuole venete hanno ripreso il linguaggio documentaristico di Pasinetti, rendendo protagonista Venezia, città amata dall’autore. È stata quindi la volta del programma “Young Filmmakers at Ca’ Foscari”, che ha puntato i riflettori sugli allievi del Master in Fine Arts in Filmmaking, coordinato da Maria Roberta Novielli, direttore artistico del festival; gli studenti hanno girato i corti in settantadue ore e, oltre a vederli proiettati sul grande schermo, hanno potuto confrontarsi con i registi selezionati per il Concorso Internazionale.

Leggi anche: Festival di Cannes 2022: annunciata la giuria della selezione ufficiale!

ca' foscari short film festival, cinematographe.it
First… del polacco Adam Hartwinski è fra i corti selezionati per il Concorso Internazionale

Questi ultimi sono stati ancora una volta protagonisti grazie alla proiezione dei nuovi cortometraggi in gara nella competizione principale. Tra questi, The Smell of the Field di Andriana Yarmonova, corto ucraino che racconta un dramma familiare attraverso gli occhi di una bambina; il polacco First… di Adam Hartwinski, riflessione sulla maternità e l’aborto; il messicano Living All the Life di Marlén Ríos-Farjat, che esplora il significato della vita attraverso una storia di profonda amicizia. Non sono poi mancati i programmi dedicati ai grandi ospiti del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022, fra cui Barry Purves, maestro inglese dell’animazione stop-motion che ha collaborato con registi quali Tim Burton e Peter Jackson, e Yukiko Mishima, regista giapponese i cui film, tra cui Shape of Red, sono spesso stati selezionati in festival internazionali.

La terza giornata del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022 promette altrettante sorprese: oltre ai nuovi corti del Concorso Internazionale, il pubblico potrà ammirare i lavori di Elisabetta Di Sopra, video-artista e curatrice del programma “Lo sguardo sospeso”, e ascoltare le parole di Ashish Pandey, regista indiano (The Cabin Man, Nooreh) che sarà protagonista di un incontro a lui dedicato.

Articoli correlati