Bohemian Rhapsody, cinematographe.it

Brian May e Roger Taylor hanno dato la possibilità agli attori di Bohemian Rhapsody, di usare i costumi originali della band

Per girare Bohemian Rhapsody gli attori che interpretavano i ruoli principali, quelli di Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor e John Deacon cioè, hanno potuto scegliere liberamente tra alcuni dei costumi originali usati dalla band nei veri concerti.

Bohemian Rhapsody sta per concorrere agli Oscar e, dopo essersi aggiudicato i Golden Globes come Miglior attore Protagonista per Rami Malek e quello per il Miglior Film Drammatico per la pellicola, oltre a un Bafta come Miglior Attore di nuovo per Malek, ecco arrivare una “chicca” direttamente dai membri del cast, che hanno rilasciato un’intervista video nella quale spiegano di aver potuto usare i costumi originali del gruppo musicale. Il video potete vederlo cliccando il link fonte, QUI.

I costumisti del film che racconta la vita di Freddie Mercury (interpretato da Rami Malek) e i Queen erano alla ricerca di abiti “sfavillanti” e “glam rock” che, alla fine, hanno trovato negli armadi di May e Taylor. I membri originali del gruppo, Brian May e Roger Taylor infatti, hanno dato al cast e alla troupe di Bohemian Rhapsody la possibilità di frugare tra alcuni dei costumi originali della band.

Julian Day, costumista del film, in un video esclusivo ottenuto da TheWrap ha dichiarato:

Brian mi ha aiutato molto. A casa sua abbiamo visto molti di questi articoli e, ad un certo punto, lui ha detto: “Guarda, mi piacerebbe prestarti un po’ di questi.”

E May ha aggiunto:

Per fortuna abbiamo un sacco dei vestiti ancora, quindi se volete potete dare un’occhiata all’archivio completo, ho detto.

Taylor ha detto poi:

Abbiamo semplicemente detto loro che potevano fare come se fossero stati a casa loro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto