Black Panther: Wakanda Forever e il significato di quel cameo a sorpresa

Il co-sceneggiatore di Black Panther: Wakanda Forever, Joe Robert Cole, spiega l'importanza del cameo a sorpresa del film nell' MCU e i suoi legami tematici.

Uno dei co-sceneggiatori di Black Panther: Wakanda Forever ha parlato delle ragioni tematiche per cui è stato creato il cameo a sorpresa del Marvel Cinematic Universe. Durante “Dark Night Of The Soul” del film, dopo la morte di sua madre, la regina Ramonda, Shuri ricrea con successo l’erba a forma di cuore che le garantisce le abilità della Pantera Nera, oltre a un viaggio nel Piano Ancestrale, dove incontra a sorpresa il Killmonger di Michael B. Jordan. Qui, sfida le intenzioni di Shuri e cerca di spingerla verso la via della vendetta. In un momento di forza, e con il consiglio dell’ultimo minuto di sua madre Ramonda dal Piano Ancestrale, nell’atto finale del film, Shuri sceglie la misericordia e lascia vivere Namor, scegliendo di stringere un’alleanza con il leader Talokan.

black panther
Letitia Wright as Shuri in Marvel Studios’ Black Panther: Wakanda Forever. Photo courtesy of Marvel Studios. © 2022 MARVEL.

Le parole di Joe Robert Cole

In un’intervista con Rolling Stone, il co-sceneggiatore di Black Panther: Wakanda Forever, Joe Robert Cole, spiega perché Killmonger di Michael B. Jordan è stato riportato nel MCU. Cole ha detto che ha sempre voluto che Jordan tornasse e che il suo ritorno sarebbe avvenuto sul Piano Ancestrale, legando insieme la vulnerabilità di Shuri alla vendetta e la fame di Killmonger di riscattare i suoi antenati. Ecco le parole di Cole sul ritorno di Killmonger:

“Abbiamo sempre voluto che Michael tornasse, e sento che sarebbe sempre stato nel piano ancestrale con Shuri che aveva preso la pozione. La domanda era sempre del tipo: come si ottiene la cosa di cui penso tu stia parlando? Come fai a renderlo qualcosa di più di: tutti sono entusiasti perché Michael è fantastico e il personaggio è fantastico? In che modo è rilevante per il viaggio di Shuri e diventa un punto di svolta per il suo personaggio? Quindi, se ci pensi, [nel primo film] il suo viaggio riguardava anche la vendetta, la rabbia e la frustrazione. Questa è una parte di ciò che abbiamo cercato di mettere in contatto con lei sin dall’inizio, la rabbia di aver perso qualcuno, il senso di perdita. E poi, come l’aver perso sua madre avrebbe intensificato i suoi sentimenti di desiderio di vendetta. Abbiamo solo cercato di basarci su questo, in modo che lui si presenti a lei con una scelta tra: muoversi nella direzione in cui si muoverebbe Killmonger, oppure fare qualcosa di diverso.

L’idea era quella di costruire con successo la posta in gioco, in modo tale da rendere chiaro il perché lei sentisse quel tipo di [desiderio di] vendetta. Ma una cosa che ho apprezzato molto anche della scena di Killmonger è stato il suo punto di vista su come ha cambiato il Wakanda. Killmonger è entrato e ha risposto alla domanda: sono io il custode di mio fratello? E come Wakanda non aveva cercato il globo. Qui c’è Ramonda, che è diametralmente opposta – era molto più isolazionista di T’Challa – la quale salva RiRi, questa adolescente afroamericana. C’è un dibattito secondo cui prima di Killmonger, tutto ciò potrebbe non essere accaduto. Quindi siamo stati in grado di rendere quella scena non solo rilevante per il personaggio di Shuri, ma anche rilevante per la nazione di Wakanda.”

Black Panther 2: perché i fan dell’MCU sono ossessionati da Killmonger?

black panther

Il Killmonger di Jordan è rimasto uno dei cattivi più amati dell’MCU sin dalla sua introduzione in Black Panther. Sebbene radicale nell’esecuzione, la sua intenzione di vedere giustizia su coloro che hanno ridotto in schiavitù e sfruttato i neri in tutto il mondo è una dichiarazione di intenti che il pubblico potrebbe sostenere, rendendolo un cattivo complesso che potrebbe essere scambiato da alcuni come un antieroe. Il punto di vista di Cole, secondo cui la complessità di Killmonger deriva dal suo desiderio di essere il custode di suo fratello con una spada invece che uno scudo, suonerà sicuramente veritiero per molti spettatori.

Di cosa potrebbe parlare Black Panther 3?

black panther
Angela Bassett as Ramonda in Marvel Studios’ Black Panther: Wakanda Forever. Photo courtesy of Marvel Studios. © 2022 MARVEL.

Non è probabile che il pubblico abbia visto la fine della lotta di Shuri tra perdono e vendetta, e l’MCU ha la possibilità di rendere le cose complicate in modo divertente. La fine di Black Panther: Wakanda Forever ha visto Namor essere in qualche modo sfidato da Namora, mentre esprimeva la delusione per la propria sconfitta, anche se Namor ribadisce il fatto che loro e Wakanda sono alleati, forse suggerendo che il suo desiderio di fare la guerra è tutt’altro che svanito. Un terzo capitolo potrebbe vedere Namor continuare la sua missione radicale, con Shuri al suo fianco o accanto al resto del mondo per finire il lavoro, qualcosa che Killmonger avrebbe sostenuto di non essere riuscita a fare quando ha mostrato pietà a Namor.

Leggi anche Black Panther: Wakanda Forever dove è stato girato? Le location del film Marvel

Articoli correlati