Birds of Prey - Cinematographe.it

Cathy Yan rompe il silenzio e parla del poco successo ottenuto dal film con Margot Robbie nei panni di Harley Quinn

Sono trascorsi ormai due mesi dalla distribuzione di Birds of Prey nelle sale italiane e statunitensi. Un film, quello con protagonista Margot Robbie nell’iconico ruolo di Harley Quinn, da cui ci si aspettava probabilmente di più, dal punto di vista scritturale ma soprattutto da quello riguardante gli incassi. Lo sa bene la regista dell’opera, Cathy Yan, che ha deciso di rompere il silenzio attraverso The Hollywood Reporter per parlare delle sue sensazioni relative al film che viene definito flop da molte persone ma che è comunque stato apprezzato dalla fanbase.

So che lo studio aveva aspettative molto alte per il film – come tutti noi. C’erano anche aspettative in più per un film a guida femminile, e ciò di cui sono rimasta più delusa è stata l’idea che forse il film ha dimostrato che non eravamo ancora pronti per questo. Penso che ci fossero certamente diversi modi in cui poter interpretare il successo o l’insuccesso del film, e ognuno ha il diritto di farlo. Ma credo anche che tutti siano stati fin troppo veloci a giungere ad una conclusione.

Cathy Yan prosegue sottolineando come Bird of Prey risulti sicuramente un flop se paragonato ai colossi della DC e della Marvel.

Birds of Prey non è un film di supereroi standard e non dovrebbe essere giudicato come tale, ma c’è qualcosa in più da considerare quando si guarda al linguaggio usato per parlarne. Su Twitter, alcune persone hanno confrontato come certi titoli abbiano indirizzato il pensiero comune su Birds of Prey rispetto al linguaggio usato per descrivere un film con un budget simile e un simile raggio d’azione, ovvero Le Mans ’66. Nel caso di Le Mans ’66, il weekend di apertura è stato descritto come “corsa al primo posto” o come esordio “forte” con 31 milioni di dollari incassati, mentre Birds of Prey veniva accompagnato da parole come “disappunto” e “fuori strada” con un incasso leggermente migliore di 33 milioni di dollari.

Birds of Prey: anticipata l’uscita in digitale per il Coronavirus

La regista cinese naturalizzata statunitense ha poi concluso dicendo:

I due film hanno un budget simile ed entrambi sono film minori con un’inclinazione orientata all’azione (anche se Le Mans ’66 presenta corse d’auto piuttosto che risse). Ford v Ferrari aveva poi qualcosa che Birds of Prey non aveva in termini di richiamo, ovvero due star come Christian Bale e Matt Damon nei ruoli da protagonista. Si può anche sostenere che siano entrambi film di nicchia, ma Le Mans ’66 è stato  elogiato per il suo modesto incasso al botteghino mentre Birds of Prey viene deriso per lo stesso importo in dollari.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE