Barbie: la celebre canzone degli Aqua non sarà nel film con Margot Robbie

La canzone Barbie Girl di Aqua non sarà inclusa nell'attesa versione di Barbie di Margot Robbie

“Come on, Barbie, let’s go party” è l’immortale ritornello della canzone degli Aqua del 1997 Barbie Girl, una hit che è davvero difficile da dimenticare, ma l’atteso prossimo film di Margot Robbie (di cui è appena stata mostrata la prima immagine ufficiale) dovrà farne a meno. Nonostante i fan stiano insistendo sul fatto che la canzone della band danese dovrebbe esserci nel film targato Mattel e Warner Bros., fonti come Variety riportano che ciò non accadrà. “La canzone non sarà usata nel film”, ha detto a Variety Ulrich Møller-Jørgensen, manager della cantante degli Aqua Lene Nystrøm.

Anche se Møller-Jørgensen non ha spiegato il perché dell’assenza della mega-hit, sappiamo che in passato non scorreva buon sangue tra gli Aqua e l’azienda di giocattoli Mattel, che ha creato e possiede il marchio Barbie. Dopo che Barbie Girl è diventata un fenomeno mondiale nel 1997, vendendo oltre 1,4 milioni di copie negli Stati Uniti e rimanendo al primo posto nelle classifiche dei singoli del Regno Unito per quattro settimane, Mattel ha intentato una causa contro la MCA Records (ora parte di Universal Music), che ha distribuito la hit negli Stati Uniti, per violazione del marchio. La Mattel, preoccupata che la canzone potesse danneggiare il suo marchio, non era soddisfatta di ciò che la bambola cantava nel testo della canzone, descrivendo i versi come “promiscui e civettuoli”. Hanno anche citato in giudizio una scena del video musicale, in cui Ken (interpretato dal cantante degli Aqua René Dif) strappa accidentalmente il braccio alla Barbie (Nystrøm). “Il video mostra la bambola Ken che smembra la bambola Barbie staccandole il braccio”, si era lamentato Mattel.

In risposta, la MCA Records ha affermato che la canzone era una parodia protetta dal Primo Emendamento e ha intentato una causa per diffamazione per le dichiarazioni rilasciate da un portavoce della Mattel nel corso della causa. “Anche se trovassimo il testo accettabile, faremmo causa perché la canzone è stata pubblicata e distribuita senza il nostro permesso e certamente senza la nostra notifica”, ha detto il portavoce. “Si riferiscono a questa canzone come allegra e divertente, ed è davvero nostra convinzione che lo sfruttamento illegale della proprietà di un’altra società per il proprio guadagno commerciale non sia né ottimista né divertente. È un furto”. Tuttavia, il tribunale distrettuale degli Stati Uniti in California ha respinto le affermazioni di entrambe le parti, dichiarando che “le dichiarazioni di Mattel erano un’iperbole non perseguibile” e che la canzone è una parodia che “prende in giro sia lei che i valori plastici che rappresenta”. Mattel ha tentato di fare appello, ma senza successo. Il giudice che aveva seguito la faccenda aveva consigliato alle due parti di “rilassarsi”.

Fonte: Variety

Articoli correlati