Mad Test: trama, cast e curiosità della web-serie horror napoletana

Dal 1 ottobre su Youtube arriva la nuova web-serie horror napoletana, Mad Test. Ecco la trama, il cast e tutto quello che dovreste sapere.

Da leggere

Il colore della libertà: recensione del film prodotto da Spike Lee

Il colore della libertà, dal 2 dicembre 2021 nelle sale italiane per Notorious Pictures, non è, o almeno prova...

8 anni senza Paul Walker: il commovente ricordo della figlia Meadow

La figlia di Paul Walker rende omaggio al padre Paul Walker, scomparso il 30 novembre 2013 a causa di...

Chi è Giulio Pranno? Biografia, carriera e vita privata dell’attore interprete del ragazzo autistico in Tutto il mio folle amore

La brillante prova in Tutto il mio folle amore è valso a Giulio Pranno pure un ambito riconoscimento conferito...

Block title

Nel democratico proliferare delle serie nate e sviluppate per la fruizione in rete c’è spazio davvero per tutto e per tutti. Lo dimostra la produzione inarrestabile di web series alle varie latitudini che si stanno affacciando in rapida successione in un mercato assolutamente libero e in rapidissima espansione, le cui porte d’ingresso sono spalancate a chiunque volesse misurarsi a suo rischio e pericolo con esso. Privo di qualsivoglia regola d’ingaggio il suddetto mercato, per assecondare la richiesta crescente, sta accogliendo nel suo generoso grembo progetti audiovisivi di natura, qualità, genere, provenienza e background diversi, destinati ad andare incontro ai gusti dei palati più disparati in circolazione. Ed ecco che per gli amanti dei piaceri forti, dei brividi lungo la schiena, del mistery e dei bagni di sangue a buon mercato arriva Mad Test, miniserie horror-thriller battente bandiera partenopea scritta, diretta e interpretata da Davide Carfora e Dario Molaro, in onda ogni martedì a partire dall’1 ottobre sul canale YouTube DCDM.

Mad Test: otto episodi per una trama grondante sangue

Prodotta da DCDM Studios, la miniserie in otto episodi dalla durata variabile (dai 10 ai 15 minuti) è incentrata su un gruppo di giovani studenti di medicina che si ritrovano in una casa isolata fuori città per prepararsi in vista della sessione autunnale di esami. Nessuno di loro può immaginare che saranno costretti a lottare per la propria sopravvivenza contro una misteriosa e spaventosa presenza in una notte di terrore caratterizzata da violente passioni, fantasie sanguinarie e contorte tribolazioni.

Mad Test: le influenze in fase di scrittura e messa in quadro

Mad Test cinematographe.it

Sinossi e trailer alla mano non è difficile andare a rintracciare tra le righe e i frame quali possano essere stati i modelli e i precedenti dei generi in questione che hanno guidato e influenzato tanto la fase di scrittura, quanto la successiva messa in quadro. In Mad Test, come per stessa ammissione degli autori, la fonte principale dalla quale si è andati ad attingere con maggiore frequenza è stata la saga di Scream, sia nella matrice originale cinematografica sia nella successiva versione per il piccolo schermo in onda su MTV. In tal senso, la presenza del maniaco mascherato portatore di morte tra i malcapitati di turno è una delle tracce più evidenti. Per quanto riguarda, invece, le dinamiche tra i personaggi e l’intreccio della storia, Carfora e Molaro hanno dichiarato di avere strizzato l’occhio in più di un’occasione al serial Netflix Tredici (13 Reasons Why), in quanto vede giovani adulti affrontare difficoltà che sembrano più grandi di loro.

Ma in generale tra le sue vene scorrono temi e stilemi del teen-drama vecchia scuola a sfondo orrorifico e giallo, marcatamente di provenienza statunitense, condito e colorato con copiose dosi di sangue. Il che richiama alla mente tutta la sterminata filmografia dello young horror più o meno splatter che intreccia il proprio DNA narrativo e drammaturgico con l’home invasion e filoni affini.    

Mad Test: un cast nutrito e variegato al servizio di una storia corale

Mad Test cinematographe.it

Per una storia corale come quella al centro di Mad Test gli autori hanno chiamato a raccolta un cast assai nutrito e variegato, composto da attori e attrici provenienti da tutta Italia. Loro stessi hanno deciso di metterci anche la faccia, lavorando anche davanti la macchina da presa impersonificando Sam (Dario), personaggio fragile e perduto, e Tom (Davide), ragazzo imprevedibile e impulsivo. A completare la galleria troviamo Fabiana Persico interpreta Barbara, solitaria e insicura, mentre Marilia Marciello è Viola, ragazza enigmatica, cinica e sprezzante. Anisha Kanhye è Ranisha, allegra e audace, e Diandra Elettra Moscogiuri è invece Sofia, raggiante e determinata. Infine ci sono Alexander Nozza nei panni di Andrea, ragazzo spontaneo e spavaldo, e Alfredo Di Napoli che presta corpo e voce al più riservato e deciso Ivan.

Mad Test: un progetto completamente “fai da noi”

Mad Test cinematographe.it

Le riprese sono state rapide e indolore (soli 15 giorni, nell’estate 2018), ma non prive delle immancabili problematiche che di norma affliggono le produzioni indipendenti e quelle firmate da chi si affaccia per la prima volta nel mondo dell’audiovisivo, come nel caso del duo formato da Carfora e Molaro. Nonostante siano all’esordio, i due autori hanno cercato di curare personalmente quanti più aspetti fosse possibile: dall’ideare una storia avvincente e coerente (con il contributo allo script di Daria Bascetta e Fabiana Persico) fino ad arrivare alla regia e produzione e per finire l’interpretazione sul set; hanno collaborato all’aiuto regia Noemi Marotta e alle riprese, David Milesi. Anche la parte di post-produzione e montaggio è stata curata da Davide Carfora.

Ora non ci resta che sintonizzarci per le prossime otto settimane su you tube per capire se per la serie e per il percorso professionale dei due registi la strada sarà in discesa oppure in salita. Al popolo del web l’ultima parola.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Il colore della libertà: recensione del film prodotto da Spike Lee

Il colore della libertà, dal 2 dicembre 2021 nelle sale italiane per Notorious Pictures, non è, o almeno prova...

Articoli correlati