In difesa di Jacob: la miniserie con Chris Evans è una storia vera?

In difesa di Jacob, la miniserie Apple TV +, non si basa su eventi reali ma verosimili, derivati dall'esperienza diretta dello scrittore William Landay.

In difesa di Jacob non è basata su una storia vera, ma è ispirata a casi di vita reale simili ai fatti narrati. Adattata per Apple TV + da Mark Bomback, la serie crime è incentrata su un ragazzo di 14 anni accusato di omicidio. A quanto pare, In difesa di Jacob è stata ispirata da vicende realmente accadute, ma non da un caso in particolare.

La miniserie Apple TV + vede protagonisti Chris Evans e Michelle Dockery nei panni di Andy e Laurie Barber. Quando il figlio Jacob (Jaeden Martell) viene accusato dell’assassinio di un compagno di classe, sono naturalmente preoccupati delle conseguenze a lungo termine. Rintracciate prove che collegano Jacob alla scena del crimine, Andy e Laurie sono costretti a considerare l’impensabile. I primi tre episodi di In difesa di Jacob sono usciti il 24 aprile su Apple TV +, mentre il resto è arrivato settimanalmente fino al suo finale, previsto per la fine maggio.

Lo show si basa sull’omonimo romanzo di William Landay del 2012: diversi mesi dopo la pubblicazione iniziale, l’autore ha parlato dei retroscena durante una conferenza di Autori su Google. Ha ricordato di aver avuto una crisi di mezza età all’età di 30 anni mentre lavorava come assistente procuratore distrettuale, e di come ha incorporato varie esperienze di vita perseguendo la carriera di scrittore. Landay ha affermato che i personaggi di In difesa di Jacob non sono basati su persone reali, ma sono stati piuttosto ispirati da tutti i motivi per cui le persone scelgono di leggere romanzi polizieschi. In particolare, voleva individuare ciò che i “non criminali” trovano attraente.

In difesa di Jacob: una storia nata dall’esperienza reale dello scrittore William Landay

In difesa di Jacob - Cinematographe.it

Jaeden Martell in In difesa di Jacob

Landay ha poi discusso l’idea che “gli uomini cattivi fanno ciò che gli uomini buoni sognano” e perché ai lettori piace esporsi al pericolo leggendo, senza doverlo fare realmente. Mentre scriveva i personaggi, Landay pensava al comportamento umano nelle aule di tribunale e alle questioni della natura contro il nutrimento. Ha fatto riferimento a un orfano dell’Oklahoma di nome Jeffrey Landrigan che è stato condannato per omicidio e in seguito ha incontrato il padre biologico in prigione. Landay ha iniziato a pensare alla scienza che sostiene un cosiddetto “gene dell’omicidio”, rendendosi conto che il concetto non era stato completamente esplorato in letteratura, quindi usò le sue ricerche per creare la storia della famiglia di Andy e Jakob Barber, due personaggi immaginari.

Nella miniserie In difesa di Jacob, Andy rivela un oscuro segreto sul passato di suo padre, che riguarda naturalmente sua moglie, un espediente che permette alla narrazione di avanzare. In breve, Laurie deve affrontare la possibilità che Jacob possa in effetti essere una persona malvagia.

Per l’ambientazione della miniserie, Landay ha basato tutto sulla sua vita reale: “Il parco è reale, le scuole sono reali“. Ha anche usato alcuni dei suoi tratti di personalità per Andy Barber e ha mirato a scrivere una storia “in cui il pubblico non potesse prendere le distanze”. In termini di ritmo e tono, Landay ha dichiarato: “Trovo che i libri si sentano un po’ lunghi“, e quindi voleva assicurarsi che l’intrattenimento fosse prioritario per il suo “affare di base” con i lettori.
Nel complesso, In difesa di Jacob riguarda essenzialmente la questione di affrontare il male e tutte le difficili decisioni che le persone devono prendere quando una persona cara è connessa a un crimine grave.

Articoli correlati