Dark cinematographe.it

Non è una sorpresa che la stagione 2 di Dark sia terminata con la confusione dei suoi spettatori. La serie tedesca di produzione Netflix è nota ormai per i suoi continui paradossi e le intricate svolte nella trama, basandosi sul viaggio nel tempo come concetto principale. La nuova stagione è arrivata sul servizio streaming il 21 giugno e si è occupata di espandere le tante storie che ruotano attorno alla cittadina di Winden e che coinvolgono, in particolare, 4 famiglie: i Nielsen, i Kahnwald, i Tiedemann e i Doppler.

I nuovi episodi ci hanno mostrato ancora più viaggi del tempo, verità svelate e nuovi personaggi. Il protagonista della serie, Jonas (Louis Hofmann), si è trovato ad affrontare ancora una volta il gruppo Sic Mundus nel tentativo disperato di salvare la sua città e il mondo intero dall’apocalisse che colpirà il 27 giugno 2020.

Dark – stagione 2: recensione della serie Netflix

Nell’atto finale della stagione 2, si sono avviluppate molte trame, pronte per la terza e ultima stagione. Adam, il leader di Sic Mundus, è riuscito a creare la terza e ultima sequenza temporale assicurandosi che Jonas fosse nel posto giusto al momento giusto. Adam ha anche incaricato due suoi seguaci di assicurarsi che tutti i wormhole fossero aperti per permettere l’attivazione della sostanza eterea che consente l’esistenza stessa dei wormhole e del viaggio nel tempo e che si trovava in quantità abbondanti nei reattori della centrale nucleare di Winden (la cosidetta particella di Dio). L’apertura di quei wormhole ha portato alla inevitabile fusione della centrale, causando una catastrofe e creando l’ultimo anello temporale per il beneficio di Sic Mundus.

Ora che, in modi diversi, tutti i personaggi sono consapevoli dell’esistenza del viaggio nel tempo e di quali siano le forze al lavoro per garantire che certi eventi accadano o meno, cosa succederà?

Dark cinematographe.it

Dark: chi sopravvive all’Apocalisse nel finale della stagione 2?

Nell’atto finale, vediamo la giovane Elisabeth Doppler e suo padre, Peter, che attendono la catastrofe nel bunker sotterraneo al cottage della famiglia Doppler. Ora pienamente consapevole di quello che sta per succedere e nel disperato tentativo di salvare sua figlia Regina, Claudia del 1987 la porta nel bunker. Tutti e quattro si siedono e sembrano pronti ad aspettare l’inevitabile. Negli ultimi momenti, un giovane Noah appare nel bunker.

Il fatto che la Claudia del 1987 sia nel bunker nel 2020, spiega come è possibile che abbia solo 70/80 anni nel 2052 (100 anni dopo che ci viene mostrata da bambina nella stagione 1). Forse Regina potrebbe sopravvivere nel bunker all’esplosione nucleare, ma è anche malata di un cancro terminale. In un mondo in cui i farmaci necessari sono stati probabilmente sradicati insieme al resto, è improbabile che viva a lungo. È stato confermato che Elisabeth sopravvive fino all’età adulta e che alla fine diventerà il capo dei sopravvissuti ai Winden entro il 2053, quindi sopravviverà anche nel bunker. Non c’è stato alcun riferimento, invece, al destino di Peter.

Da Dark a Star Trek: i viaggi nel tempo nelle serie TV

Per quanto riguarda i personaggi fuori dal bunker, è implicito che siano tutti morti durante il disastro. L’unica eccezione è Charlotte Doppler, che era all’interno del reattore della centrale quando una finestra temporale si è aperta dopo che i wormhole si sono stabilizzati e ha visto Elisabeth dal 2053. Sembra che Charlotte ed Elisabeth siano riuscite a toccarsi attraverso il portale e Charlotte potrebbe essere stata trascinata via in tempo per evitare l’esplosione.

Dark cinematographe.it

Dark – stagione 2: dove vanno Jonas, Bartosz, Magnus e Franziska?

Alla fine della stagione 2 di Dark, il Jonas più vecchio è scosso da come si sta svolgendo il corso degli eventi poiché sembra che non sarà in grado di fermare il terzo ciclo temporale. Si confronta con un Noah più giovane, che gli consegna una lettera da Marta. Non è ancora noto cosa ci sia scritto, ma qualsiasi cosa sia, sembra scioccarlo. Qualunque cosa Martha abbia scritto a Jonas è sufficiente per aiutare il giovane Noah a convincerlo che ha bisogno di salvare Bartosz, Franziska e Magnus portandoli in un altro periodo di tempo. Jonas ci riesce: li trova tutti e tre nella residenza Nielsen e attiva la macchina del tempo per portarli via.

Bartosz, Franziska e Magnus sono venuti a conoscenza del viaggio nel tempo all’inizio della stagione 2, grazie a Bartosz che mostra loro i tunnel sotto Winden e li riporta con successo al 1986: nessuno di loro è scioccato quando incontrano uno Jonas più anziano. Ma Dark sembra essere ben attento a non rivelare i loro scopi per la maggior parte della stagione 2, lasciando sottinteso che il vecchio Jonas li abbia portati indietro nel 1921: vediamo delle versioni più anziane di Magnus e Franziska che attivano il wormhole dalla sede di Sic Mundus nel 1921 per conto di Adam. Non è ancora chiaro dove si trovi Bartosz in tutto questo, ma la sua posizione e il ruolo nel piano di Sic Mundus saranno probabilmente resi noti nella terza stagione.

Dark cinematographe.it

Dark – stagione 2: dove vanno Martha e Jonas?

Uno dei più grandi colpi di scena del finale della stagione 2 di Dark è stato l’ingresso in scena di una Martha proveniente da una dimensione alternativa. La Martha che gli spettatori hanno visto nel corso di due stagioni è stata colpita e uccisa da Adam. Mentre Jonas piangeva la perdita della ragazza che ha amato – che, grazie alla natura distorta delle loro linee temporali, è anche sua zia – una seconda Martha è entrata nella stanza: il suo compito è quello di portarlo via dalla situazione apocalittica che stava accadendo a Winden.

Ha i capelli più corti e più scuri e indossa vestiti molto diversi da quelli che siamo abituati a vedere nella serie. “Non sono chi pensi che io sia”, dice a Jonas, e quando cerca di spiegarle cosa sta succedendo, lei gli dice che non c’è tempo, tirando fuori un globo dorato dalla sua borsa. Imposta il meccanismo inserendo una destinazione sconosciuta e lo mette a terra. Il globo sembra roteare in una maniera simile alla macchina del tempo di Tannhaus, il che implica che questa sfera potrebbe essere ancora più avanzata delle versioni precedenti. Il vero momento sconvolgente, però è la risposta di Martha quando Jonas le chiede da che tempo provenga: “La domanda non è da quale tempo, ma da quale mondo”.

Dark cinematographe.it

Questa seconda Martha è mai apparsa prima? È semplicemente un’altra inevitabilità dei loop temporali, o la Martha della dimensione alternativa è una nuova interruzione che potrebbe essere di vero aiuto per Jonas questa volta? Più di tutto: cosa pensa di ottenere questa nuova Martha portando Jonas nel suo mondo?

Dark – stagione 2: Katharina riesce a tornare nel 1986?

Una persona che potrebbe potenzialmente cambiare le cose durante il terzo loop temporale di Winden è Katharina Nielsen, madre di Mikkel Nielsen (che in seguito è diventato Michael Kahnwald). Katharina ha passato la maggior parte della stagione 2 alla ricerca di risposte sull’improvvisa scomparsa di Mikkel. È riuscita a usare le mappe e le scoperte del marito Ulrich della stagione 1 (poco prima che tornasse nel 1953 e venisse incarcerato) per capire come navigare nelle caverne di Winden. Negli ultimi momenti dell’episodio finale, vediamo Katharina leggere un messaggio sulla sua mappa: “Segui il segnale”. Questo la porta nei tunnel, con l’immagine finale che la mostra mentre raggiunge una delle porte del Sic Mundus.

Katharina è stata una delle più grandi incognite finora in Dark. Una madre che è in lutto per la scomparsa del suo giovane figlio e di suo marito, entrambe avvenute nel giro di pochi giorni: è una donna disposta a tutto pur di trovare risposte. È stata riluttante ad accettare che il viaggio nel tempo fosse possibile, ma ha dimostrato che è disposta a fare quello che può per riavere Mikkel. Se riuscirà ad arrivare nel 1986, c’è la possibilità che possa ricongiungersi con Mikkel e potenzialmente rovinare la progressione del terzo ciclo riportando il ragazzo nel suo tempo originario.

Dark cinematographe.it

Quante dimensioni alternative ci sono in Dark?

La risposta di Martha su in “quale mondo” stia portando Jonas è l’ultima incongnita della seconda stagione e lascia agli spettatori una domanda: quante dimensioni alternative ci sono? L’esistenza di dimensioni alternative implica che la centrale nucleare di Winden non debba fondersi o possa anche non esistere, il che metterebbe a repentaglio i piani di Sic Mundus. Quindi, di nuovo, il Sic Mundus esiste persino in queste dimensioni alternative? Il gruppo attuale è a conoscenza delle altre dimensioni? L’arrivo della Martha della dimensione alternativa potrebbe essere un vantaggio significativo per Jonas e gli altri che cercano di fermare il gruppo di viaggiatori nel tempo capitanato da Adam?

Ancora più importante, perché Martha è apparsa solo all’ultimo minuto per salvare Jonas? Il suo aspetto implica la possibilità di tracciare gli eventi attraverso le dimensioni grazie a della tecnologia avanzata; ciò significherebbe che alcune dimensioni siano in grado di controllarsi reciprocamente per assicurarsi che tutti gli eventi vadano secondo i piani o che non vi sia squilibrio. Cosa significa tutto questo per la Martha della dimensione alternativa, quando è implicito il fatto che sarebbe potuta intervenire in altri momenti? Anche nelle diverse dimensioni, ciò che è accaduto, continuerà ad accadere?

Dark – stagione 2: cosa accade ad Adam e al gruppo Sic Mundus?

La stagione 2 termina con Adam (che in realtà è la versione più vecchia e deturpata di Jonas) che sembra iniziare con successo il terzo ciclo temporale dopo aver ucciso Martha. Adam intende dare al giovane Jonas l’impulso emotivo necessario per continuare sulla strada che lo porterà a diventare Adam, credendo che la morte di Martha lo incoraggerà a intraprendere la stessa guerra contro il tempo in cui lui stesso ha combattuto in questo ciclo attuale.

Dark cinematographe.it

Ma cosa succede ora ad Adam e il resto di Sic Mundus? Il loro obiettivo finale è di rompere completamente i vincoli del tempo lineare, cosa che hanno cercato di fare rapendo i bambini e spostandoli da un periodo di tempo a un altro, ma cosa succede se riescono a completare il terzo ciclo? Che aspetto ha ora che è iniziata la fase finale del loro piano? Potrebbe essere potenzialmente ancora più disastroso e comportare un livello di distruzione senza paragoni.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto