Oscar 2022: trionfa CODA – I segni del cuore, ecco tutti i vincitori

Chi ha vinto gli Oscar 2022? Tutto era già scritto: molti pronostici beccati, tranne la sfiorata rissa tra Will Smith e Chris Rock

La notte dei Premi Oscar 2022 è riuscita a risollevarsi dopo l’edizione monca della pandemia con una conduzione più fresca e ironica. La cerimonia ha consacrato CODA – I segni del cuore come il Miglior film di quest’anno. Il film di Sian Heder, remake del film francese La famiglia Bérlier, ha conquistato tutte e 3 le statuette per cui era candidato (Miglior film, Miglior sceneggiatura e Miglior attore non protagonista a Troy Kotsur) e in questo anno più che mai si mostra attuale, lanciando un inno all’ascolto anche nel silenzio. L’edizione 94 degli Oscar però resterà nella memoria di molti per un fattaccio accaduto in diretta: il cazzotto che Will Smith ha tirato in diretta sulla faccia di Chris Rock. Il gesto che ha gelato la sala è stata la furente risposta ad una battutaccia fatta da Rock e destinata alla moglie di Smith, Jada Pinkett Smith. A parte questo infausto sipario, la serata ha confermato molti dei pronostici fatti prima d’inizio serata.

king richard cinematographe.it

E proprio tra i pronostici c’era la vittoria di Will Smith per aver interpretato Richard Williams in Una famiglia vincente – King Richard. Salito sul palco degli Oscar 2022 l’attore si è mostrato molto commosso facendo un discorso lungo e sentito: “Richard era un difensore accanito della sua famiglia e io in questo momento della mia vita mi sento sopraffatto da quello che Dio mi chiede di fare e di essere. Ho dovuto proteggere mia moglie che è una delle donne più forti e delicate che io abbia mai conosciuto”. Come il personaggio che interpreta del film, Smith ha avuto evidentemente un cedimento emotivo, come se si fosse creata una simbiosi con il suo personaggio che ha definito un “papà pazzo”. L’attore, prima di scusarsi con tutti per l’accaduto, ha aggiunto dicendo: “So che per fare quello che facciamo bisogna abusare, andare contro in questo settore. Se ci sono persone che non ti portano rispetto tu devi sempre sorridere. Io però voglio essere come un veicolo dell’amore e voglio ringraziare le sorelle Williams per avermi affidato la loro storia”.

Oscar 2022 Kenneth Branagh Cinematographe

Come da pronostici anche Encanto vince per il Miglior film d’animazione, mentre Paolo Sorrentino non riesce nel conquistare l’Oscar 2022 per il miglior film straniero, che va al giapponese Drive my car. Sconfiggendo invece le migliori predizioni, Belfast di Kenneth Branagh si aggiudica il Premio Oscar 2022 per la Miglior sceneggiatura originale che si pensava potesse essere assegnato a Don’t look up o Licorice Pizza. L’attore e regista originario di Belfast, che in modo sentito e personale ha raccontato la storia della sua vita, dopo 8 nomination è riuscito ad accaparrarsi la prima statuetta della sua carriera.

Dopo 3 nomination, Jessica Chastain vince il Premio Oscar 2022 per la Miglior interpretazione femminile in Gli occhi di Tammy Faye. Ariana De Bose ha invece portato a casa il premio per la Miglior attrice non protagonista per la sua interpretazione di Anita nel nuovo West Side Story di Steven Spielberg. In un bellissimo spezzato rosso firmato Valentino Coture, l’attrice ha ritirato la statuetta ringraziando la sua famiglia che l’ha sempre sostenuta e spinta a seguire la sua vocazione.

Dune 2 cinematographe.it

Dune

Come da previsione Dune di Denis Villeneuve ha dominato nella sezione dei premi tecnici: delle 10 candidature il kolossal scifi ha ricevuto 6 premi oscar 2022 per fotografia, sonoro, montaggio, scenografia, colonna sonora ed effetti speciali sono andati. Anche quest’anno il premio per la Miglior regia va tra le mani di una donna: Jane Campion ha ricevuto il secondo Oscar della sua carriera per Il potere del cane, un western contemplativo e introspettivo, le cui immagini ritraggono la rude natura del Nevada. La Campion è ad oggi la regista con più statuette conquistate.

Oscar 2022: tutti i vincitori

Miglior film
CODA – I segni del cuore

Miglior regia
Jane Campion – Il potere del cane

Miglior attrice protagonista
Jessica Chastain – Gli occhi di Tammy Faye

Miglior attore protagonista
Will Smith – King Richard

Miglior attrice non protagonista
Ariana DeBose – West Side Story

Miglior attore non protagonista
Troy Kotsur – CODA – I segni del cuore

Miglior film d’animazione
Encanto

Miglior sceneggiatura originale
Belfast

Miglior sceneggiatura non originale
CODA – I segni del cuore

Miglior film in lingua straniera
Drive My Car

Miglior fotografia
Dune

Miglior montaggio
Dune

Miglior sonoro
Dune – Parte 1 (Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill, Ron Bartlett)

Miglior scenografia
Dune – (Patrice Vermette)

Migliori costumi
Crudelia – (Jenny Beavan)

Miglior trucco
Gli occhi di Tammy Faye – (Linda Dowds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh)

Migliori effetti speciali
Dune

Miglior colonna sonora
Dune – Parte 1 – Hans Zimmer

Miglior canzone originale
No Time to Die (No Time to Die)

Miglior cortometraggio
The Long Goodbye

Miglior cortometraggio d’animazione
The Windshield Wiper

Miglior documentario
Summer of Soul (Or, When The Revolution Could Not Be Televised)

Miglior Corto Documentario:
The Queen of Basketball

Articoli correlati