Michael Keaton

Michael Keaton ha chiesto scusa per la gaffe di cui è stato protagonista ai Golden Globe quando ha fatto riferimento al film Hidden Figures chiamandolo Hidden Fences.

Parlando ai giornalisti prima della premiere di Los Angeles del suo nuovo film, The Founder, Keaton ha detto:

“Ho fatto confusione con la battuta. Non l’ho fatto di proposito. In realtà, ora, capisco perfettamente … Mi fa sentire così male che le persone si sentano male. Se qualcuno si sente male, è l’unica cosa che conta. “

Michael Keaton stava nominando le candidate per il premio alla miglior attrice non protagonista ai Golden Globe, e ha confuso il titolo corretto (Hidden Figures), del film sulle donne nere matematiche che lavorarono al programma del volo spaziale del 1960, con quello del film di Denzel Washington (Hidden Fences), il dramma su un giocatore di baseball in pensione.

Una gaffe simile è stata fatta in precedenza durante la stessa serata dalla giornalista della NBC Jenna Bush Hager. Entrambi i film presentano un cast in gran parte composto da afro-americani, e la reazione sui social media si è affrettata a far notare la cosa. Keaton ha aggiunto:

“Soprattutto le persone nel film, che hanno lavorato tutto quel tempo. Penso sempre se hanno fratelli e sorelle o madri e padri o amici in attesa di quel momento, e poi arriva questo tizio – ME – che si alza e dice il nome sbagliato. Quando vedo un giocatore fare una mossa falsa dico sempre, ‘Oh mio Dio, mi sento così male.’ Mi uccide. Quindi sono molto molto dispiaciuto. “

Keaton ha parlato anche all’Associated Press della questione, dicendo che “ha commesso un errore di lettura del gobbo e del cartello con i suggerimenti” e assicurando i telespettatori che non c’era nulla di “discriminatorio” nel suo errore:

“Voglio dire, sarebbe quasi come chiamare Al Gore un negatore dei problemi climatici”

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto