Il toccante discorso di Meryl Streep ai Golden Globe 2017

Approfittando del discorso di accettazione del premio alla carriera Cecil B. DeMille ai Golden Globe 2017 Meryl Streep ha puntato l’attenzione su Donald J. Trump in riferimento a quela volta in il presidente, durante la campagna elettorale, aveva preso in giro un giornalista disabile del New York Times che lo aveva criticato.

Alcuni commentatori conservatori hanno immediatamente criticato la sua decisione di portare la politica in modo così vivido nel mondo dello spettacolo. Ma i presenti alla cerimonia, tenutasi presso il Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, a Los Angeles, hanno sonoramente applaudito le sue osservazioni, che comprendevano un appello per sostenere il Committee to Protect Journalists.

“Questo istinto a umiliare, nel momento in cui viene usato da qualcuno nella piattaforma pubblica, da parte di qualcuno potente, filtra nella vita di tutti, perché dà un po’ il permesso alle altre persone a fare la stessa cosa”, ha detto. “La mancanza di rispetto invita alla mancanza di rispetto, la violenza incita alla violenza. E quando una persona potente prevarica sugli altri, tutti noi perdiamo”.

Ecco il discorso completo di Meryl Streep ai Golden Globes 2017:

Per favore sedetevi. Grazie. Vi amo tutti. Dovrete perdonarmi. Ho perso la mia voce in urla e lamenti questo fine settimana. E ho perso la mia mente a volte all’inizio di quest’anno, quindi devo leggere.

Grazie, Hollywood Foreign Press. Giusto per riprendere quello che ha detto Hugh Laurie: Voi e tutti noi in questa sala apparteniamo davvero ai segmenti più diffamati nella società americana in questo momento. Pensateci: Hollywood, gli stranieri e la stampa.

Ma chi siamo noi, e chi è Hollywood in ogni caso? Solo un gruppo di persone provenienti da altri luoghi. Io sono nata e cresciuta e ho studiato nelle scuole pubbliche del New Jersey. Viola è nata nella cabina di un mezzadro in South Carolina, si avvicinò a Central Falls, Rhode Island; Sarah Paulson è nata in Florida, tirata su da una madre single a Brooklyn. Sarah Jessica Parker è stata una delle sette o otto bambine nell’Ohio. Amy Adams è nata a Vicenza, Italia. E Natalie Portman è nata a Gerusalemme. Dove sono i loro certificati di nascita? E la bella Ruth Negga è nata ad Addis Abeba, in Etiopia, cresciuta a Londra – no, in Irlanda, credo.

Ryan Gosling, come tutte le persone più belle, è canadese, e Dev Patel è nato in Kenya, cresciuto a Londra, e nel film interpreta un indiano cresciuto in Tasmania. Così Hollywood sta lavorando con gli stranieri, grazie agli stranieri. E se noi li cacciamo via non avremo più niente da guardare, solo calcio e arti marziali miste, che non sono le arti.

Mi hanno dato tre secondi per fare questo discorso: l’unico lavoro di un attore è quello di inserire la vita delle persone diverse da noi, e farvi sentire come ci si sente. E c’erano molti, molti, molti show potenti quest’anno che hanno fatto esattamente questo. Film mozzafiato, dei lavori compassionevoli.

Ma c’è stato un un rendimento di quest’anno che mi ha stordito. Ha affondato i suoi ganci nel mio cuore. Non perché era buono; non c’era niente di buono in esso.Ma è stato efficace e ha fatto il suo lavoro.

Ha compiuto la sua missione di far ridere il pubblico. È stato il momento in cui la persona che chiede di sedersi sulla sedia più rispettata nel nostro paese ha imitato un giornalista disabile. Mi si è spezzato il cuore quando l’ho visto, e io ancora non riesco a togliermelo dalla testa, perché non era in un film. Era la vita reale. E questo istinto di umiliare, quando viene compito da qualcuno che fa parte della piattaforma pubblica, da parte di qualcuno potente, filtra giù nella vita di tutti, perché dà un pò il permesso alle altre persone a fare la stessa cosa. La mancanza di rispetto invita alla mancanza di rispetto, la violenza incita alla violenza. E quando il potente usa la propria posizione per prevaricare gli altri tutti noi perdiamo.

O.K., questo mi porta alla stampa. Abbiamo bisogno di una stampa con dei principi per mantenere il potere che conta, e denunciare ogni oltraggio.

Quindi chiedo all’Hollywood Foreign Press e a tutti noi nella nostra comunità di unirsi a me nel sostenere il Comitato per la protezione dei giornalisti, perché abbiamo bisogno di loro di andare avanti, e io avrò bisogno di salvaguardare la verità .

Ancora una cosa: Una volta, quando ero in giro per girare un film, mi lamentai di qualcosa. Tommy Lee Jones mi ha detto, “Non è un privilegio, Meryl, solo il fatto di essere un attore?” Sì, lo è, e dobbiamo ricordare reciprocamente il privilegio e la responsabilità dell’empatia. Dovremmo essere tutti orgogliosi del lavoro che Hollywood onora qui stasera.

Come la mia amica, la cara Principessa Leia, mi ha detto una volta, prendere il vostro cuore spezzato e tramutatelo in arte.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

Scopri il nostro Shop Online