Chi è Marcelo Burlon? Il film diretto da Mattia Colombo su una sceneggiatura di Andrea Batilla, intitolato UNinvited – Marcelo Burlon e in uscita nelle sale italiane come evento speciale da martedì 28 a giovedì 30 novembre 2017, prova a dare delle risposte.

Il film infatti tratteggia la vita pubblica e privata di Marcelo Burlon, una delle personalità più affascinanti e influenti del panorama della moda attuale, un personaggio amato e odiato allo stesso tempo. Un’opera che parla di moda e personalità che si intersecano in un sistema tanto bello quanto complesso.

Un documentario che, attraverso la vita di una figura così sincera e diretta, e i luoghi che lo hanno accolto, riesce a raccontare il sistema della moda nella sua complessità, e riesce a farlo da una prospettiva totalmente diversa rispetto all’idea standardizzata che si ha di questo mondo. Allontanandosi dal consueto ritratto delle personalità eccentriche degli stilisti, Uninvited – Marcelo Burlon racconta l’universo della moda attraverso un personaggio controverso e discusso che permette di trovare l‘autentico in un settore dove all’apparenza nulla sembra davvero esserlo, un sistema che si sta impoverendo perché non è più capace di parlare al proprio utente finale, il pubblico, una voce dimenticata nel dibattito estetico.

Marcelo Burlon, classe 1976,è nato in Patagonia da genitori italo-libanesi. Arriva in Italia negli anni ’90 e inizialmente la sua occupazione non ha nulla a che vedere con la moda. Dalle Marche si trasferisce a Milano, dove inizia ad entrare in contatto col mondo della moda, pur continuando a lavorare come dj e a girare per il mondo. Tra le aziende per le quali ha lavorato anche Dolce&Gabbana e Alessandro Dell’Acqua.

Al 2012 risale la fondazione della Marcelo Burlon County of Milan, attraverso il quale spopola confezionando capi d’abbigliamento e cover.
La sua scalata apparentemente fugace l’ha portato ad essere odiato da alcuni, mentre altri osannano la sua creatività. Oggi la sua holding ha un fatturato milionario e, oltre al proprio marchio, ne produce altri cinque. Grazie a uno spirito brillante e a un’abilità comunicativa sorprendente, Marcelo si è imposto quindi come rappresentante di una nuova generazione di direttori creativi, una generazione che forse non dev’essere giudicata per la bravura nel fare vestiti ma piuttosto con la capacità di saper raccontare al pubblico una storia che appassioni.

Prodotto da LABÁ – PROGETTI SPECIALI, UNINVITED – Marcelo Burlon vede Cristina Marchetti e Silvia Ardini tra le produttrici esecutive, Jacopo Loiodice alla fotografia, Paolo Benvenuti al suono e la musica originale di Luca Fois.