Il regista indipendente Lorenzo Lepori torna dietro alla macchina da presa con un horror intitolato Notte Nuda

Dopo Catacomba, Lorenzo Lepori e lo sceneggiatore Antonio Tentori (Dracula, Frankenstein 2000) approfondiscono la ricerca e lo studio degli elementi specifici del genere fantastico-horror italiano in Notte Nuda. Inteso nella sua accezione più ampia (cinema, narrativa e anche editoria pulp), il genere viene rivisitato in una dimensione che unisce la sensualità al grottesco, l’orrore puro al surreale.

Se da una parte è possibile riscontrare riferimenti e omaggi al cinema gotico, dall’altra ancora una volta l’ispirazione principale viene dal fumetto per adulti degli anni settanta-ottanta. Inoltre, anche questo film vedrà la collaborazione dell’omonimo disegnatore Lorenzo Lepori, per la realizzazione della locandina e di un fumetto tratto dal film che accompagnerà la distribuzione home video.

Qualcosa è cambiato nella vita di Paolo, un malessere esistenziale ha cominciato a invaderlo. Per sfuggire a quella opprimente realtà, decide di andare a trovare un amico che non vede da tempo e passare con lui alcuni giorni di vacanza. Una serata di eccessi è destinata a concludersi tragicamente quando un terzetto di balordi si introduce nell’abitazione di Andrea, per rapinarli. Nel corso di una colluttazione, la ragazza rimane uccisa. I due amici, costretti a disfarsi del cadavere, raggiungono un bosco per seppellirlo. Ma ignorano che il bosco è abitato da creature mostruose. Per Paolo è soltanto l’inizio di uno spaventoso incubo ad occhi aperti, un incantesimo di atrocità, follia e morte…