Il condominio dei cuori infranti – primo trailer e poster del film di Samuel Benchetrit

Da leggere

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

The Suicide Squad: James Gunn svela il motivo dell’assenza del Joker

In una recente intervista, James Gunn ha rivelato il motivo per cui ha preferito non utilizzare il Joker per...

Spider-Man: No Way Home – JK Simmons ha imposto il ritorno al look originale per J. Jonah Jameson

JK Simmons ha dovuto lottare perché il personaggio di J. Jonah Jameson tornasse in Spider-Man: No Way Home con...

Block title

Presentato Fuori Concorso alla 68esima edizione del Festival di Cannes, Il condominio dei cuori infranti sarà in sala dal 24 marzo distribuito da Cinema di Valerio De Paolis. Un film di Samuel Benchetrit con con Isabelle Huppert, Gustave Kervern, Valeria Bruni tedeschi e Michael Pitt.

Il condominio dei cuori infranti è stato presentato alla 68esima edizione del Festival di Cannes

Il condominio dei cuori infranti

Un palazzo di periferia in una anonima cittadina francese. Un ascensore in panne. Tre incontri improbabili. Sei personaggi insoliti. Il vecchio Sternkowitz e l’infermiera, l’attrice in pensione Jeanne, il giovane Charly, l’astronauta McKenzie e la signora Hamida. Dei solitari che si troveranno uniti da un grande sentimento di tenerezza, rispetto, compassione.rivela

[jw7-video n=”1″]

Ispirato ai racconti del regista Samuel Benchetrit “Cronache dall’asfalto” (pubblicato in Italia da Neri Pozza), il film è pervaso di una piccola comicità sentimentale. «Avevo voglia di raccontare la periferia in modo diverso – afferma Benchetrit – attraverso personaggi insoliti […] Se dovessi riassumere il film direi che si tratta di storie di cadute. Come si può cadere – dal cielo, da una sedia a rotelle o da un piedistallo – e riuscire a risollevarsi? Ecco la questione che attraversa ogni istante del film. Perché gli abitanti delle periferie hanno grandi capacità di recupero. So, perché ci ho vissuto, che in nessun altro luogo esiste una solidarietà così forte come nella banlieue».

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

Articoli correlati