In Hitler contro Picasso e gli altri Toni Servillo ci accompagna alla riscoperta delle migliaia di opere trafugate e bandite durante il Nazismo

L’ossessione di Hitler per l’arte ha rappresentato un’ulteriore pagina nera della storia della Germania. Con Hitler contro Picasso e gli altri, si tenta di fare luce sul vero e proprio saccheggio operato dal Führer e di guidare lo spettatore alla riscoperta di tutte quelle meravigliose opere, che in questi anni sono state raccolte in una mostra dedicata.

Prodotto da Nexo Digital e 3D Produzioni, con la partecipazione di Sky Arte, il documentario – evento vede la partecipazione straordinaria di Toni Servillo. L’attore infatti accompagnerà il pubblico alla scoperta del Dossier Gurlitt e di tanti altri materiali d’archivio che testimoniano la massiccia operazione di saccheggio portata avanti da Hitler e Göring. I due operarono in diversi modi: dapprima cercarono di impadronirsi di tutte le opere d’arte di valore in circolazione, soprattutto quelle in possesso di ebrei; poi bandirono e distrussero tutte quelle creazioni che consideravano espressione dell’arte degenerata. Tra gli artisti condannati, spiccano i nomi di Max Beckmann, Paul Klee, Oskar Kokoschka, Otto Dix, Marc Chagall, El Lissitzky. Secondo le stime, il numero delle opere sequestrate ai musei tedeschi in quegli anni arriverebbe a 16.000, oltre ai 5 milioni in tutta Europa.

Diretto da Carlo Poli, il film può contare sulla colonna sonora originale composta da Remo Anzovino. Hitler contro Picasso e gli altri arriverà nei cinema in anteprima mondiale solo il 13 e 14 marzo. Successivamente verrà distribuito in altri 50 paesi del mondo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto