La serie Sky Original con Alessandro Borghi e Patrick Dempsey Diavoli arriverà ad aprile

Arriverà ad aprile su Sky e NOW TV la serie Diavoli, una storia di finanza, potere e disinganni con un cast stellare guidato da Alessandro Borghi (Il Primo Re, Suburra) e da Patrick Dempsey (La verità sul caso Harry Quebert, Grey’s Anatomy). Prodotta da Sky Italia e Lux Vide in collaborazione con Orange Studio, la serie è basata sull’omonimo romanzo best seller di Guido Maria Brera e si tratta di un vero e proprio thriller finanziario, che segue le vicende di un Head of Trading italiano, preso sotto l’ala protettiva dell’amministratore delegato di una grande banca.

Alessandro Borghi è Massimo Ruggero, spregiudicato e ambizioso Head of Trading di una delle più importanti banche di investimento del mondo, la New York – London Investment Bank (NYL); Patrick Dempsey è Dominic Morgan, fra gli uomini più potenti della finanza globale, mentore di Massimo e CEO della banca. Il profondo legame tra i due uomini rischierà di incrinarsi quando, a causa degli interessi nascosti di Dominic, Massimo si troverà coinvolto in una guerra finanziaria intercontinentale. A quel punto il giovane italiano dovrà scegliere: schierarsi con l’uomo a cui deve tutto o fermarlo? Kasia Smutniak è Nina, la sofisticata e molto determinata moglie di Dominic Morgan, al quale è unita da sentimenti ma anche interessi.

Nel cast troviamo anche Lars Mikkelsen (The Killing, Sherlock, House of Cards), Laia Costa (Victoria), Malachi Kirby (Radici), Paul Chowdhry (Swinging with the Finkels), Pia Mechler (Everything Is Wonderful), Harry Michell (Chubby Funny) e Sallie Harmsen (Blade Runner 2049). Alla regia troviamo Nick Hurran (Sherlock, Altered Carbon) e Jan Michelini (I Medici).

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto