when they see us - cinematographe.it

Disponibile su Netflix, When They See Us è tornato ad essere uno dei prodotti più visti in assoluto, e per una buona causa

È passato un anno dall’uscita su Netflix di When They See Us e la serie rimane tutt’oggi un prodotto molto attuale che merita di essere rivisto. La miniserie di Ava DuVernay racconta la vera storia dei cinque ragazzi di colore, dai 14 ai 16 anni, che sono stati ingiustamente condannati per lo stupro di una donna bianca nel 1989. Attraverso quattro puntate, il dramma di Netflix illustra in modo nauseabondo come la polizia ha costretto Antron McCray, Yusef Salaam, Korey Wise, Raymond Santana e Kevin Richardson – originariamente soprannominati “I 5 di Central Park” – a fornire false dichiarazioni. La serie ha anche mostrato l’effetto devastante che queste convinzioni hanno avuto sulla vita da adolescenti.

Leggi anche la nostra recensione della serie 

La loro storia traumatica riapre ferite ancora non rimarginate per i neri americani che hanno e continuano a subire maltrattamenti da parte delle forze dell’ordine. Nei giorni scorsi, mentre migliaia di persone in tutti gli Stati Uniti protestavano contro la brutalità della polizia a seguito delle recenti uccisioni di Tony McDade, Breonna Taylor, Ahmaud Arbery e George Floyd, la serie di Netflix è tornata in vetta alle classifiche risultando più attuale che mai.

When They See Us è molto difficile da digerire, per una serie di motivi. Uno dei quali è la violenza a cui tutti e cinque sono stati sottoposti da ragazzini – incluse aggressioni fisiche, mentali e minacce – da parte degli individui che giurarono di proteggerli. Gli eventi di questa serie possono essere scioccanti per alcuni, ma la loro storia non è una novità per gli uomini e le donne di colore che, sfortunatamente, hanno abbastanza familiarità con la polizia che abusa della loro autorità come mezzo per raggiungere uno scopo. Come la serie illustra, ai bambini neri in America non viene data la stessa opportunità di crescere spensieratamente come gli altri della loro età, ma vengono invece trattati come degli adulti, precludendogli una normale crescita.

When They See Us in cima alla lista d’onore della AAFCA

Le riprese di quelle scene molto difficili hanno anche suscitato forti sentimenti nel cast e nella troupe, motivo per cui sono stati dotati di una hotline speciale per le crisi che ha permesso loro di raccontare le proprie emozioni in giorni particolarmente pesanti. Sebbene Asante Blackk, che interpreta un giovane Richardson, non abbia usato la hotline, ha rivelato l’unica scena che non è riuscito a scrollarsi di dosso, anche dopo che le telecamere hanno smesso di girare.

Di solito è molto facile per me uscire dall’emozione, ma per la scena in aula è stato difficile. Come puoi immaginare cosa prova tua madre quando vieni trascinato in progione? L’ho capito dopo che hanno stoppato le riprese. Ero arrabbiato per Kevin Richardson. Come hanno potuto fargli una cosa del genere? Sono stato preso dall’emozione.

Mentre gran parte di ciò che è stato girato è entrato poi nella versione finale della serie, lo show Netflix ha tagliato fuori un momento molto importante, un momento della vita reale che ha mostrato come il caso giudiziario ha influenzato negativamente le famiglie dei ragazzi: la madre di Richardson ha subito un ictus mentre la giuria ha letto il verdetto. Queste scene, e molte altre, sono ciò che rende When They See Us una visione imperdibile, soprattutto in questo momento storico.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE