Wandavision: la showrunner ha parlato dettagliatamente della scena dopo i titoli di coda

La prima serie televisiva di Marvel Studios è andata in onda tra il 15 gennaio e il 5 marzo 2021 su Disney +

Da leggere

Elle – Isabelle Huppert e quella sconvolgente lettura dello stupro: “nel film la violenza mi libera”

Elle è un film del 2016 diretto da Paul Verhoeven e con protagonista Isabelle Huppert, presentato al Festival di...

Blanca dove è ambientata? Le location liguri della fiction Rai

Siamo tutti pazzi per Blanca, detective story in sei episodi targata Rai che porta il nome della sua protagonista,...

Fino alla verità: storia di due sequestri – recensione della serie Netflix

Disponibile su Netflix dal 23 novembre 2021, Fino alla verità: storia di due sequestri è una nuova serie che...

Block title

WandaVision si chiude con una sequenza davvero molto significativa

WandaVision è la serie televisiva di Marvel Studios apripista della Fase 4 del Marvel Cinematic Universe. La realizzazione, ideata da Jac Schaeffer (showrunner e sceneggiatrice) e diretta da Matt Shakman, ha visto tornare sul piccolo schermo due storici personaggi del MCU ovvero Wanda Maximoff (interpretata da Elizabeth Olsen) e Visione (con il volto di Paul Bettany) intenti a vivere una vita fin troppo perfetta e illusoria nella cittadina di Westview. Vi avvisiamo che stiamo per fare degli spoiler riguardanti lo show supereroistico quindi, se non avete ancora visto lo show, non vi consigliamo di non andare avanti.

WandaVision

WandaVision si chiude con una scena dopo i titoli coda molto significativa: dopo la distruzione della cupola che avvolgeva Westview, Scarlet Witch si è ritirata in una casupola in montagna dove, in piena meditazione, esplora i poteri appena ottenuti mediante l’utilizzo del Darkhold. Tale sequenza è il perfetto collegamento con Doctor Strange: nel Multiverso della Pazzia anche considerando il fatto che si sente in sottofondo il tema musicale di Michael Giacchino, appositamente composto per quel film. Detto questo, la stessa ideatrice di WandaVision, Jac Schaeffer, in un’intervista per Rolling Stone (ripresa da Screen Rant), ha parlato dei due obiettivi principali che voleva raggiungere rappresentando la scena:

Volevamo che trascorresse più tempo e che sarebbe stata da qualche parte isolata, da qualche parte dove si fosse sentita protetta e da sola. Perché stavamo cercando, in definitiva, di raggiungere due obiettivi. Uno, che aveva raggiunto una parvenza di accettazione e che era in grado di stare da sola comodamente; che potrebbe esserci un po’ di pace, e lei potrebbe sedersi e prendere il tè e riflettere e non voler saltare fuori dalla sua pelle e non, sai, piangere e automedicarsi in alcun modo, con il suo potere o altro. E poi il secondo obiettivo era che ciò che ha imparato nel corso dell’esperienza di Westview, e in particolare ciò che ha imparato da Agatha, l’avrebbe mandata in questo viaggio nel voler sapere di più su sè stessa, e il Darkhold è diventato il meccanismo per questo.

Una perfetta sintesi dell’evoluzione del personaggio che, mediante tale sequenza, raggiunge una nuova consapevolezza al termine di WandaVision e si prepara ad una particolare avventura. Vi ricordiamo che la serie è andata in onda su Disney + dal 15 gennaio al 5 marzo scorso con un cast composto anche da Kathryn Hahn nel ruolo di Agatha Harkness, Teyonah Parris che presta il volto a Monica Rambeau, Randall Park che incarna Jimmy Woo, Kat Dennings che interpreta Darcy Lewis e molti altri.

Leggi anche – WandaVision è stato l’ultimo progetto MCU con Visione? Un indizio sembra confermarlo

 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Elle – Isabelle Huppert e quella sconvolgente lettura dello stupro: “nel film la violenza mi libera”

Elle è un film del 2016 diretto da Paul Verhoeven e con protagonista Isabelle Huppert, presentato al Festival di...

Articoli correlati