Tulsa King avrà una stagione 2 (forse senza Sylvester Stallone)

In Tulsa King Sylvester Stallone è il capo della mafia newyorkese.

Tulsa King con protagonista la star Sylvester Stallone è stata ufficialmente rinnovata per la seconda stagione da Paramount+. La serie è creata e prodotta esecutivamente dal candidato all’Oscar Taylor Sheridan (già creatore della serie neo western con Kevin Costner Yellowstone, sempre per Paramount), tra i produttori troviamo anche il vincitore dell’Emmy Award Terence Winter (I Soprano, The Wolf of Wall Street), che è anche showrunner e scrittore della serie.

Interpretata dall’icona del cinema Stallone – qui nel suo primo ruolo da protagonista per il piccolo schermo – Tulsa King segue le gesta del capo della mafia newyorkese Dwight “The General” Manfredi che, appena uscito di prigione dopo 25 anni, si trasferisce a Tulsa, in Oklahoma, dove inizia lentamente a costruirsi il suo impero criminale.

Visti i nomi coinvolti nel progetto non è strano che Paramount abbia deciso di rinnovare la serie per una seconda stagione. La premiere di Tulsa King ha fatto record di ascolti, rivelandosi così all’altezza delle aspettative. pare, inoltre, che sia stata responsabile di un boom di iscrizioni al servizio streaming Paramount+ (disponibile anche da noi in Italia). Tanya Giles, Chief Programming Officer di Paramount Streaming, ha dichiarato: “Con la combinazione dell’incomparabile Sylvester Stallone e la svolta cupamente comica di Taylor Sheridan sull’amato genere mafioso, abbiamo trovato il nostro ultimo successo in Tulsa King”.

La serie Paramount+ Tulsa King è stata rinnovata, ma Stallone potrebbe non tornare

Tulsa King; cinematographe.it

Al momento non è certo se Stallone tornerà per la seconda stagione di Tulsa King. La star ha recentemente indicato che avrebbe potuto lasciato lo show dopo la prima stagione, per ragioni meramente pratiche. Parlando con Variety, la star ha parlato di quanto sia difficile mantenere il palinsesto di una serie TV, dicendo: “È più che duro. Non posso credere che alcune persone lo abbiano fatto per quattro, cinque o sei stagioni. È brutale, rispetto al cinema. Non dirò mai più ‘Questa è una ripresa difficile’ per un lungometraggio. È una vacanza rispetto a questo! Lo è davvero… Possono girarlo a casa mia a Palm Beach? Sarebbe bello. Ne ho parlato con mia moglie. Se lei viene con i bambini sul set per visitare, forse. Ma è una decisione importante.”

Stallone ha più volte “minacciato” di abbandonare i franchise in cui è coinvolto. Dopo che Creed è diventato un successo, ad esempio, la star ha fatto intendere che non sarebbe mai tornato per Creed II, ma poi ha firmato il contratto. Stallone si è anche ritirato dalla serie Expendables più volte di quanto chiunque possa contare, tuttavia, è sempre pronto a tornare di nuovo nei panni di Barney Ross (e tra poco uscirà The Expendables IV).

Articoli correlati