The Mandalorian - Cinematographe.it

Continuano a far discutere le dichiarazioni di Gina Carano ed i fan di The Mandalorian chiedono alla Disney il suo licenziamento

Mentre continuano ad essere rilasciati, a cadenza settimanale, gli episodi della seconda stagione di The Mandalorian, continuano le polemiche riguardanti Gina Carano, che nello show targato Disney+ interpreta Cara Dune, ex soldato ribelle originaria di Alderaan. Negli scorsi mesi, infatti, alcune dichiarazioni dell’attrice hanno fatto storcere il naso a moltissimi fan di Star Wars, e quindi di The Mandalorian. Ad esempio, Carano si è dichiarato contraria all’obbligo di indossare mascherine per tentare di contenere la diffusione del Covid-19.

Più di recente, invece, l’attrice ha condiviso un tweet che sembrava sostenere la teoria secondo cui il risultato delle presidenziali statunitensi sarebbero il risultato di una serie di brogli elettorali. Nel post si legge, infatti: “Dobbiamo ripulire il processo elettorale così da non sentirci più nel modo in cui ci sentiamo oggi. Attuare leggi che ci proteggano dalle frodi degli elettori. Indagare in ogni stato. Filmare il conteggio. Eliminare i voti falsi. Chiedere un documento d’identità. mettere fine alla frode elettorale nel 2020. Il problema va risolto”.

Insomma, Gina Carano non le manda certo a dire e queste sue dichiarazioni hanno fatto sì che nel giro di poco tempo sui social divenisse virale l’hashtag #FireGinaCarano attraverso cui i fan di The Mandalorian chiedono il suo licenziamento. Bisogna comunque segnalare la presenza di un altro hashtag, #SaveGinaCarano, creato da chi condivide le idee dell’attrice o semplicemente sostiene che ognuno sia libero di esprimere il proprio pensiero senza il rischio di perdere il lavoro per questo motivo.

Leggi anche: la reazione dei fan al vero nome di Baby Yoda

Adesso la palla passa a Disney che dovrà decidere se confermare la presenza di Gina Carano nella serie tv oppure trovare un modo per escluderla dallo show: di certo, qualsiasi decisione presa a riguardo è destinata a far discutere.