Superman and Lois: sceneggiatrice incolpa il Canada per “poca diversità”

Ecco cosa è accaduto recentemente all'interno della squadra di lavoro alla serie Arrowverse.

Da leggere

Roma FF16 – A Thousand Hours: recensione del film di Carl Moberg

La vita è un turbinio di esperienze e scelte, che inevitabilmente segnano il percorso di ogni individuo e ne...

Ms. Marvel: il periodo di uscita della serie potrebbe essere stato rivelato

Mohan Kapur, che interpreta il padre della protagonista in Ms. Marvel, potrebbe avere rivelato il periodo di uscita della...

Johnny Depp a Roma: mi trattavano come un “prodotto”, io volevo essere Bugs Bunny

Sarebbe opportuno domandare alla bravissima interprete di Johnny Depp cosa si provi ad essere, per una sera, la persona...

Block title

La scrittrice di Superman and Lois Nadria Tucker entra più in dettaglio sulla sua spinta per la diversità nella serie dicendo che lo showrunner ha incolpato la location

Superman and Lois è una delle serie facenti parte del cosiddetto Arrowverse e la prima stagione sta per arrivare, non senza problemi, pare. Il serial è diretto spinoff di Supergirl e Nadria Tucker, tra gli autori della serie sul figlio di Krypton, continua a parlare della mancanza di diversità, sostenendo che lo showrunner ha dato la colpa alla location. Il prossimo show dell’Arrowverse sarà presentato in anteprima nel febbraio 2021 insieme a The Flash. Riporterà gli attori Elizabeth Tulloch e Tyler Hoechlin, che sono apparsi l’ultima volta nel crossover Crisis on Infinite Earths. Questa volta, Clark e Lois saranno accompagnati dai loro due figli adolescenti, oltre a una serie di altri personaggi DC nuovi e familiari.

Superman and Lois cambieranno residenza e da Metropolis andranno a Smallville; una decisione alimentata da un tragico evento che avverrà nella storia e che al momento non conosciamo. Sfortunatamente il viaggio della coppia finora è stato piuttosto accidentato. Il coronavirus ha interrotto il pilota pianificato, con le riprese che sono ricominciate a partire dal mese scorso. La pandemia è anche responsabile della data d’uscita nel 2021; The CW ha spostato tutte le serie all’inizio del nuovo anno piuttosto che farle uscire in autunno, come è solita fare.

C’è stato anche un altro grosso problema dietro le quinte, poiché la Tucker, come anticipato, ha parlato di Superman and Lois come una serie sessista e con all’interno poca diversità. Quando le è stata comunicata la notizia che il suo contratto non sarebbe stato prorogato ovviamente la scrittrice ha deciso di scrivere un post nel quale spiegava diverse cose e soprattutto di aver combattuto per l’inserimento all’interno della storia di personaggi di colore interpreti di ruoli diversi da quelli dei cattivi, tanto per fare un esempio. Inoltre voleva inserire storie guidate (anche) da donne. Ma tutte le sue richieste sono state ignorate.

In una recente intervista con Jonita Davis, la Tucker è entrata meggiormente nel dettaglio sulla sua esperienza in Superman and Lois e, ad un certo punto, ha affermato che lo showrunner ha incolpato le riprese della serie in Canada (la location, in sostanza), per la mancanza di diversità nei ruoli di supporto e di sfondo:

Il casting è un ottimo modo per ottenere una rappresentazione sullo schermo di diversi gruppi. Quando è iniziata la notizia del casting [di Superman and Lois], abbiamo visto subito che il cattivo sarebbe stato nero. Ed è da li che … insomma, sembrava proprio che avessimo bisogno di iniziare a spingere per la diversità in altre aree. Ad esempio, “cerchiamo di inserire diversità in alcuni di questi ruoli secondari, pensavo”. Ma anche, “quali sono i ruoli di sfondo?” Anche il tizio che cammina dietro a tutti, di quello si parlava. Volevo fare in modo che quella persona non fosse solo un “chiunque” standard. Volevo che fosse un riflesso della vita reale e queste mie idee sono state respinte. La risposta è stata che lo show filma le riprese in Canada. [Lo showrunner ha detto questo alla Tucker] “In pratica mi è stato detto che c’era la possibilità di non trovare attori di colore in Canada, quindi avremmo dovuto portarli o ciamarli da altre parti.

Chissà se è una scusa oppure se chi sta dietro la serie ha effettivamente qualche probelma di inclusione? Non ci resta che attendere quanche risposta dalla controparte, lo showrunner della serie The CW, per esempio.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Roma FF16 – A Thousand Hours: recensione del film di Carl Moberg

La vita è un turbinio di esperienze e scelte, che inevitabilmente segnano il percorso di ogni individuo e ne...

Articoli correlati