Stranger Things: così i fan vorrebbero evitare la morte di Steve

Gli ultimi due episodi della quarta stagione sono ora su Netflix.

Gli ultimi due attesissimi episodi della quarta stagione di Stranger Things sono in streaming su Netflix da qualche minuto. Non abbiamo dubbi che molte persone si siano precipitate, alle nove in punto, sulla piattaforma per scoprire il destino dei personaggi più amati. Destino che mai è stato così sospeso come nelle settimane trascorse tra la prima e la seconda parte di questa stagione. Il colpo di grazia lo hanno dato i creatori della serie, i fratelli Duffer, quando qualche giorno fa hanno affermato che ci sarebbero state alcune morti negli episodi conclusivi della stagione. Naturalmente sono esplose le teorie e uno degli indiziati che fin da subito è stato individuato come possibile vittima è stato Steve Harrington (interpretato da Joe Keery). Mobilitando i fan del personaggio, che però – pare – possono tirare un sospiro di sollievo.

Steve morirà? Il suo destino è stato svelato

Nella corso delle ultime ore Netflix ha fatto comparire dei mega poster con su semplicemente scritto: Protect Steve“, proteggi Steve. L’insegna è pericolosamente avvinghiata da radici molto simili a quelle che abbiamo imparato a conoscere molto bene nel Sottosopra. Un endorsement così chiaro al personaggio – da parte di Netflix stessa per di più – potrebbe significare la sopravvivenza di Steve, almeno a questa stagione. Qui sotto potete vedere uno dei cartelloni pubblicato sul Twitter di Netflix.

Sotto il tweet i fan si sono scatenati, confermando la richiesta di salvare Steve e individuando altre vittime che si possono sacrificare al suo posto. “Per favore, sacrificate Dustin al suo posto“, ha scritto una persona. Suscitando la risposta sarcastica di un altro utente della piattaforma: “Volevi scrivere Mike“. Che sia Steve o Dustin o Mike o qualche altro personaggio, rimane sicuro il fatto che niente sarà più come prima.

Leggi anche Stranger Things, Winona Ryder ha controllato l’accuratezza dei set anni ’80: “hanno dovuto cambiare la sceneggiatura”

Articoli correlati