Star Trek: Discovery – Lo showrunner: “Vogliamo essere fedeli all’originale”

Lo showrunner di Star Trek: Discovery Aaron Harberts ha spiegato come affronteranno i contenuti scottanti nella serie: "Vogliamo rimanere fedeli alla fonte"

Da leggere

Bartkoviak: recensione dell’action polacco Netflix

Le arti marziali miste, note anche come MMA (Mixed Martial Arts),sono uno sport da combattimento che incorpora una miscela...

Bob Odenkirk starà bene dopo il ricovero in ospedale, assicura il figlio

Secondo suo figlio, Bob Odenkirk starà bene e si sta riprendendo dopo essere stato ricoverato in ospedale a causa...

Il Signore degli Anelli: le pressioni subite dal regista sulla trama

Dominic Monaghan (Merry nella trilogia de Il Signore degli Anelli) afferma che Peter Jackson ha subito pressioni dai produttori. Il...

Lo showrunner di Star Trek: Discovery ha discusso di come la serie gestirà i contenuti scottanti che si troverà ad affrontare. La premiere della serie è finalmente all’orizzonte dopo rinvii infiniti che lasciavano davvero pensare che questo momento non sarebbe mai arrivato. Lo show seguirà il viaggio del Tenente Comandante Michael Burnham (Sonequa Martin-Green), un’ufficiale umana che, come abbiamo rivelato qualche giorno fa, è la sorellastra di Spock.

Al contrario delle precedenti serie di Star Trek, il personaggio principale non sarà un capitano e l’azione prenderà vita su due differenti navicelle. Poi ci sono i Klingons, che hanno un aspetto completamente diverso da quello che siamo abituati a vedere. Nonostante tutto, però, un aspetto fondamentale dell’Universo Trek rimarrà intatto. Andando in onda su un servizio streaming invece che su un canale televisivo, i creatori di Star Trek: Discovery hanno la possibilità di presentare agli spettatori contenuti adulti senza il timore della censura. Durante un’intervista con Entertainment Weekly, però, lo showrunner Aaron Harberts ha spiegato come hanno deciso di agire:

“L’impulso di ogni sceneggiatore quando si lavora a show in streaming senza parametri è di lasciarsi andare. Ma poi guardi alle cose in maniera diversa: come apparirebbe la nudità in Star Trek? Beh, sarebbe strana. Come apparirebbero le parolacce (tante) in Trek? Non così bene. Direi che stiamo cercando di sfruttare la libertà costruendo personaggi complicati e complessi che non sono necessariamente ben accetti sui network.

Non sto dicendo che non faremo cose violente o che eviteremo di usare un certo linguaggio. Ma la cosa importante per il team creativo è l’eredità dello show, che viene passata da madre a figlia, da padre a figlio, da fratello a fratello. Vogliamo essere sicuri che non stiamo creando uno show che i fan non possano condividere con le loro famiglie. Dobbiamo onorare il franchise”.

Star Trek: Discovery debutterà il 24 settembre su CBS, per poi spostarsi sul servizio streaming All Access. In Italia arriverà grazie a Netflix e sarà disponibile 24 ore dopo la messa in onda statunitense.

Ultime notizie

Bartkoviak: recensione dell’action polacco Netflix

Le arti marziali miste, note anche come MMA (Mixed Martial Arts),sono uno sport da combattimento che incorpora una miscela...

Articoli correlati