Peacemaker porta i fan a interrogarsi sull’anatomia degli wookie in Star Wars

Un dettaglio sugli wookie svelato da John Cena in Peacemaker ha portato molti fan a cercare la stessa cosa su Google.

In Better Goff Dead, un dialogo fra Peacemaker e Vigilante ha portato i fan a interrogarsi sui famosi wookie presenti in Star Wars

Ricco di riferimento alla cultura popolare, Peacemaker sta continuando a regalare al pubblico momenti divertenti, ma nel recente episodio 3, intitolato Better Goff Dead, una battuta in particolare ha avuto un impatto notevole sugli spettatori. Quanto segue contiene alcuni spoiler sulla puntata, perciò nel caso non foste al passo con la serie DC, vi consigliamo di non proseguire la lettura.

Chi ha avuto modo di guardare il terzo episodio, saprà che Peacemaker (John Cena) e Vigilante (Freddie Stroma) cadono prigionieri di Judomaster (Nhut Le). Il nostro anti-eroe comincia a insultare il villain e, fra le tante frecciatine rivoltegli, ce n’è una che chiama in causa nientemeno che l’universo di Star Wars. Il personaggio infatti esclama: “Voglio portarti a casa, giocare con te assieme ai miei G.I. Joe. Però non fot**rti Chewbacca. Ti sveglio una curiosità: gli wookie hanno i denti nel buco del cu*o. Fa parte del canone.”

In realtà, tale affermazione non è assolutamente parte del canone dell’universo ideato da George Lucas, ma non si può dire che non abbia messo la pulce nell’orecchio a molti fan. Come lo stesso James Gunn ha mostrato tramite i propri social, su Google basta digitare poche lettere per vedere come fra le domande più cercate vi sia: “Gli wookie hanno i denti nel buco del cu*o?”

Leggi anche: Boba Fett doveva essere nel film su Han Solo ma poi…

“Semplicemente Peacemaker che influenza il dibattito culturale con la sua consueta grazia”, ha scritto Gunn per commentare la faccenda. Non c’è dubbio che la serie del regista di The Suicide Squad stia riuscendo a far parlare di sé e anche in modo positivo, con il pubblico che finora sembra apprezzare molto quanto lo show sta loro regalando. Di seguito, il tweet di James Gunn.

Articoli correlati