Moon Knight: Ethan Hawke ha parlato del suo coinvolgimento nella serie

La serie, che vede come protagonista Oscar Isaac, debutta a breve su Disney+.

Moon Knight porterà sul piccolo schermo uno dei personaggi più complessi dei fumetti de La Casa delle Idee

Moon Knight è sicuramente uno dei progetti seriali più interessanti dei Marvel Studios sia perché coinvolge attori di punta, sia perché porta, per la prima volta sul piccolo schermo, un personaggio davvero affascinante dei fumetti de La Casa delle Idee, un supereroe che ha preso i poteri direttamente da un dio della luna egizio e che soffre di un disturbo dissociativo della personalità. Delle caratteristiche assolutamente affascinanti senza poi dimenticare che, ad incarnare il villain dello show, c’è Ethan Hawke (Training Day, The Northman) che ha dichiarato di essersi ispirato ad una figura realmente esistita, David Koresh, capo di una setta.

Proprio Hawke è stato protagonista di un’intervista recente per Entertainment Weekly dove ovviamente ha parlato di Moon Knight, approfondendo il suo ruolo all’interno della serie. L’artista ha spiegato in particolare di aver imparato molto dallo show che ha trovato molto interessante e di essere inizialmente preoccupato di interpretare un’antagonista di questo calibro. Di seguito le sue parole.

Ho sempre avuto questa teoria secondo cui quando insegni a un pubblico come vedere il demone dentro di te, non lo dimenticherà per il resto della tua carriera. Jack Nicholson può interpretare un contabile e stai ancora aspettando che esploda come ha fatto in Shining. Cambia il tuo rapporto con un artista, quindi sono sempre stato nervoso al riguardo. Ma ho capito che sono dall’altra parte dei 50 ed è ora di mettere un nuovo strumento nella cassetta degli attrezzi. I cattivi potrebbero essere il mio futuro. Il mondo dei fumetti ha significato molto per me quando ero più giovane. Ero sempre un po’ preoccupato; c’è un certo tipo di attore che eccelle davvero in quell’universo, e non sono ancora sicuro di essere uno di loro. Ma poi Oscar me lo ha chiesto, e lo rispetto davvero. E sapevo che se fosse entrato, sarebbe andato all in, ed è divertente fare qualsiasi genere con persone che sono dentro. Quindi è semplicemente diventato il progetto, e non è stata affatto una decisione intellettuale; era come, ‘Oh, facciamo qualcosa di interessante con questi ragazzi.’ E più ho imparato a conoscere Moon Knight, più mi sono eccitato, perché è molto meglio che cercare di creare qualcosa con cui il pubblico ha già un grande programma.

Leggi anche Moon Knight: il trailer batte un record fra le serie dell’MCU

Articoli correlati