I Goonies – A un anno dalla morte di Richard Donner la conferma della serie spinoff: svelata la trama!

Sebbene non sia stato ancora ufficializzato, il titolo della serie dovrebbe essere Out Time.

Se si pensa ai film d’avventura usciti nelle sale durante gli anni ottanta, il primo titolo da menzionare è senza dubbio I Goonies. Diretto da Richard Donner – regista di Arma Letale morto a Los Angeles il 5 luglio 2021, all’età di 91 anni, a seguito di un’insufficienza cardiaca – e scritto da Chris Columbus (regista di Mamma, ho perso l’aereo, Mamma, ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York, Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre e dei primi due capitoli di Harry Potter), il film è diventato nel corso degli anni un vero e proprio cult, tant’è che è stato selezionato per la conservazione nel National Film Registry degli Stati Uniti dalla Biblioteca del Congresso come “culturalmente, storicamente o esteticamente significativo“. Come è noto già da diversi mesi, nel 2023 su Disney+ arriverà una serie remake/spinoff del film che dovrebbe intitolarsi Our Time. Ecco la trama!

La trama della serie su I Goonies

I Goonies; cinematographe.it

Nel corso di un’intervista a Variety, la produttrice Gail Berman ha svelato i primi dettagli sulla trama della serie spinoff de I Goonies. “Quando ero alla Paramount, c’erano questi ragazzi che giravano questo film su I predatori dell’arca perduta, un remake perfetto. Ha ottenuto un po’ di stampa all’epoca, e lo studio era molto arrabbiato per questo. Ho pensato che fosse un’idea straordinaria, e mi è sempre rimasta in testa: come puoi prendere un’idea del genere e trasformarla in una serie tv? Aveva bisogno di uno scrittore eccezionale e di grandi partner, quindi abbiamo portato l’idea ad Amblin e quei ragazzi l’hanno adorata. Sarah Watson è la nostra creatrice. La serie è la storia di una città e di una famiglia sulla scia Friday Night Lights. […] raccontano la storia di un remake de I Goonies, inquadratura per inquadratura. Abbiamo dovuto rivolgerci alla Warner Bros., a Toby Emmerich e chiedere se potevamo avere i diritti. Hanno detto di sì. […] Ora lo stiamo facendo per Disney Plus”, ha aggiunto Berman.

Articoli correlati