House of the Dragon: George Martin voleva che la timeline fosse diversa

Il popolare scrittore, tra gli showrunner della stessa serie, ha raccontato una modifica che avrebbe apportato per collegarsi maggiormente a Il Trono di Spade.

House of the Dragon è la nuova serie appartenente all’universo di Game of Thrones ed è sia un prequel che spin-off dell’opera madre, essendo ambientata circa 200 anni prima gli avvenimenti de Il Trono di Spade, ma focalizzando l’attenzione non su tutta Westeros, ma concentrandosi in particolare sulle lotte dinastiche della Dinastia Targaryen. In particolare lo show, che vede tra gli showrunner lo stesso George R.R. Martin e Ryan Condal, trae ispirazione dal libro antologico Fiamme e Sangue dove per l’appunto viene raccontata la storia della famiglia sopramenzionata. Nello specifico, all’interno della realizzazione, cominciamo la storia dall’inizio, con una distanza temporale notevole rispetto a GOT.

House of the Dragon primo villain Cinematographe.it

House of the Dragon è ambientato 200 anni prima degli eventi de Il Trono di Spade

Una scelta che, a quanto pare, non ha soddisfatto così tanto Martin che avrebbe preferito cambiare la timeline d’inizio di House of the Dragon, allontanandosi ancora di più da Game of Thrones. Nello specifico, durante un’intervista che l’autore ha tenuto con lo scrittore fantasy David Anthony Durham sul canale YouTube Penguin Random House (via ComicBook), ha spiegato che avrebbe voluto che la narrazione cominciasse circa 40 anni prima delle vicende che abbiamo visto in the House of the Dragon, con i due figli di Jaehaerys, Aemon e Baelon, ancora vivi così da vedere le due parti differenti della stessa Casata.

A quanto pare, però, probabilmente per esigenze commerciali, si è scelto all’interno del titolo di iniziare le vicende 40 anni dopo, già nel momento in cui Jaehaerys ha lasciato il potere a suo nipote Viserys. Vi ricordiamo che la realizzazione è arrivata su HBO il 21 agosto con una pubblicazione settimanale prevista anche per Sky Atlantic (dove però gli episodi doppiati in italiano sono arrivati ad una settimana di distanza dalla release ufficiale). L’opera, prodotta da GRRM, Bastard Sword, 1:26 Pictures Inc., ha visto nel cast la partecipazione di Paddy Considine nella parte di Viserys, Emma D’Arcy nella parte di Rhaenyra Targaryen, Olivia Cooke nel ruolo di Alicent Hightower, Rhys Ifans che impersona Otto Hightower e molti altri ancora.

Leggi anche House of the Dragon: Olivia Cooke non ritiene di aver interpretato Alicent come una cattiva

Articoli correlati