feud: bette and joan

Anche se un nuovo dramma di Ryan Murphy di FX, che approfondisce la faida esagerata tra le attrici leggendarie Joan Crawford e Bette Davis, potrebbe raggiungere i confini di “campy”, il produttore esecutivo prolifico sottolinea che hanno cercato in Feud: Bette and Joan quei temi che sono ancora oggi attuali.

La prima stagione di questa nuova serie esplora la leggendaria rivalità tra Crawford (Jessica Lange) e Davis (Susan Sarandon). Feud comprende anche Alfred Molina, Robert Aldrich, Stanley Tucci, Judy Davis, Catherine Zeta-Jones, Sarah Paulson, Kathy Bates e Kiernan Shipka.

“Eravamo interessati a fare uno show su due donne e la loro vita e dei problemi che avevano”, ha detto Murphy al press tour della Television Critics Association Giovedi. “Non ero veramente interessato a fare tutto ciò che è stato ‘campy’. Ero interessato a qualcosa di un po’ più profondo e un po’ più emotivo e doloroso.”

Una parte di questa idea è nata da una conversazione che Murphy ha avuto con Davis prima di morire nel 1989.

“Credo che in ultima analisi, quello che è successo a entrambe le donne sia molto doloroso”, ha detto Murphy. “Ho avuto modo di conoscere Bette Davis. Ho avuto un rapporto limitato con lei e avuto modo di trascorrere del tempo con lei. Come mi ha detto quando ho parlato con lei, si sentiva che non avrebbe mai voluto essere chiunque meno di ciò che era, quindi in vista del pubblico si sentiva che era importante per la sua sopravvivenza. Quando ho [trascorso quattro ore con lei], non era quella persona che tutti vedono. Non era del campo, non era una vasta, lei era molto emotiva e reale e tutte queste cose. “

Feud: Bette and Joan – la serie di Ryan Murphy in arrivo su FX

Feud, quindi, approfondisce gli argomenti di ageism e il sessismo.

“Quello che mi piace dello spettacolo sono i temi e le questioni in mostra, così moderne e le donne sono ancora in corso attraverso questo genere di cose”, ha detto Murphy. “E nulla è realmente cambiato. Volevamo appoggiarci a questo aspetto dello spettacolo. Anche se io continuo a pensare che siano divertenti e le loro interazioni siano esilaranti, quindi non volevamo evitare questo, speriamo che sia lontano da quello che la gente si aspetta e renderlo un po’ più emotivo “.

“Molte attrici contemporanee hanno lo stesso problema, posso garantire” Ha poi aggiunto Sarandon.

Lange ha concordato, notando la conversazione ora non è necessariamente di età o aspetto, ma piuttosto che è interessato a queste storie.

“Questa è una grande parte di questo spettacolo, è quello che Hollywood fa alle donne come l’età, che è solo un microcosmo di ciò che accade alle donne in generale con l’età”, dice Lange. “Si vuole dire che diventano invisibili o diventano poco attraenti o diventano indesiderabili o quello che è, e credo che con questo film abbiamo toccato che in un modo molto profondo. Voglio dire, Joan era 10 anni più giovane quando questo avviene quello che sono ora, ma la sua carriera era finita a causa della sua età. Credo che quello che abbiamo cercato di fare è in realtà, in qualche modo, indagare su ciò che fa di una donna quando lei non è più considerata”

Il produttore esecutivo Dede Gardner ha poi aggiunto:

“Credo che lo spettacolo sia profondamente moderno, in realtà. Penso che sia deliziosa nella sua celebrazione di una città che era meno affollata, ma non credo che sia romanticizzato. Credo che la chiama per le sue ovvietà ed è stato brutale. Queste donne sono state trattate brutalmente e costretti a trattare l’un l’altra brutalmente. E non credo che molto sia cambiato al riguardo.”

In preparazione per i loro ruoli, Lange e Sarandon hanno perlustrato vecchie registrazioni e intervisto dove hanno trovato ispirazione nel ritrarre l’aspra rivalità tra queste donne; infatti, molti degli insulti lanciati intorno sullo schermo si basa su quelli che Crawford e Davis avevano detto alla stampa.

Feud: Bette and Joan debutterà Domenica 5 Marzo sul canale americano FOX.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto