doctor who, cinematographe.it

L’attrice Jodie Witthaker ha rivelato che tornerà a interpretare il Dottore per la 13ª stagione del Doctor Who

Jodie Whittaker ha confermato che tornerà come Tredicesimo Dottore in un’altro capitolo del Doctor Who. La notizia è arrivata dopo che solo quattro episodi della 12ª stagione erano stati trasmessi da Beeb. Durante un’intervista di Entertainment Weekly è stato chiesto alla Whittaker se sarebbe tornata per il tredicesimo capitolo del Doctor Who, stagione he non è stata ancora ufficialmente confermata dalla BBC. “Sì, ci sarò sicuramente per la 13ª stagione“, ha risposto. “Potrebbe essere un’esclusiva che non dovrei dire, ma non ha senso dire non lo so perché sarebbe una bugia enorme!” ha aggiunto ridendo. “Adoro lo show, prima o poi dovrò lasciare il posto a un altro Dottore, ma non è ancora il momento. Per adesso mi sto aggrappando fortemente al mio personaggio!“.

Non è chiaro se ci sia il rischio di sconvolgere i piani prima che inizi la produzione della 13ª stagione. Mentre i commenti sul web attorno al casting della Whittaker si sono finalmente fermati. La maggior parte dei fan, sia vecchi che nuovi, sono d’accordo sul fatto che l’attrice è diventata un ottimo dottore. Molte delle critiche che circondano la serie sono quindi passate ad un altro tassello, concentrandosi sulla scrittura dello showrunner Chris Chibnall. I personaggi interpretati da Mandip Gill, Tosin Cole e Bradley Walsh, e cioè i compagni del Dottore, sono stati considerati dei personaggi non abbastanza sviluppati all’interno della storia.

Whittaker non presta molta attenzione a nessuna critica che viene mossa al Doctor Who dicendo che è inutile cercare di controllarlo dopo che è stato trasmesso, o parlarne con la troupe una volta che le puntate sono andate in onda. “Ho visto un sacco di fan art e devo dire che le adoro“, ha dichiarato. “Non è mai stato così bello immergermi in un qualcosa che non si può controllare, nel bene e nel male è uno show che va avanti da moltissimi anni. Sappiamo tutti che stiamo lavorando duramente affinché la serie sia la migliore che possa essere in questo momento. Una volta che viene trasmessa, le sensazioni dei membri che ci hanno speso del tempo e delle energie, diventano in qualche modo irrilevanti. Perché ognuno è certo di aver dato il massimo e di aver fatto il miglior lavoro possibile”.

Whittaker ha poi continuato a parlare dell’impatto positivo che Doctor Who ha avuto sulla sua vita da quando ha accettato le chiavi del TARDIS. “Indosso sempre un cappellino da baseball in metropolitana, quello è rimasto lo stesso“, ha scherzato. “Ma la mia vita è davvero cambiata. Ora ho una vita sociale molto più ampia, perché con i miei colleghi della troupe è come se fossimo una grande famiglia, sento che la mia vera esistenza, si può dire, sia a Cardiff, perché è lì che viene girato lo show“.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE