Atypical: Keir Gilchrist e la sfida di intepretare un ragazzo autistico nella serie

Variety ha intervistato Keir Gilchrist, lo straordinario protagonista della serie Netflix Atypical, e l'attore ha rivelato come si è preparato per interpretare un ragazzo nello spettro autistico.

Da leggere

Jenny Tamburi e quella spietata malattia che ha portato via l’icona della commedia sexy a soli 53 anni

Tutti la conoscevano come Jenny Tamburi e per anni Luciana della Robbia - vero nome dell'attrice italiana - è...

Stephen Sondheim – amici e colleghi lo ricordano con affetto: “É la fine di un’era”

Da Hugh Jackman a Steven Spielberg, i tweet più commoventi sulla morte di Stephen Sondheim Stephen Sondheim, leggendario compositore di...

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Block title

Nato a Londra e cresciuto in Canada, Keir Gilchrist, il protagonista della serie Netflix Atypical, non proviene da una famiglia di attori

Nessuno nella mia famiglia lo ha mai fatto“, ha ammesso. Ma il fuoco sacro della recitazione ha sicuramente dimostrato di appartenergli, data la perfetta credibilità del suo ruolo del protagonista Sam Gardner, un liceale autistico, nella prima e seconda stagione della commedia Netflix acclamata dalla critica, Atypical. Ecco cos’ha detto nel corso di un’intervista rilasciata a Variety:

Come ti sei preparato per interpretare Sam?

Il mio rappresentante mi ha contattato con Robia [Rashid], la creatrice dello show, quindi ho dovuto sedermi con lei per un paio d’ore. È stato un lungo processo di audizione e abbiamo parlato molto dei vari modi in cui potevo interpretare Sam. Il pezzo di ricerca più utile è stato il libro “Il diario delle migliori pratiche: un ricordo del matrimonio, Sindrome di Asperger e La ricerca di un uomo per diventare un marito migliore”. Il libro ha finito per essere un fattore molto importante nel creare il personaggio di Sam.

Nella seconda stagione di Atypical, il rapporto tra Sam e la sorella Casey [Brigette Lundy-Paine] evolve. Come hai fatto ad affrontare tale cambiamento?

Devo dare credito a Robia. Aveva scritto una sceneggiatura così completa, e la relazione tra Sam e Casey era davvero saltata fuori dalla pagina. Lo fa ancora. Porta a quel personaggio un’atmosfera così fraterna, e abbiamo una chimica molto naturale.

Con Sam i suoi sensi saettano dappertutto, quindi cerchiamo di incorporare visivamente ciò che sta accadendo nel suo cervello. Mostreremo i primi piani al rallentatore delle bocche delle persone che si muovono, le luci fluorescenti guizzanti, che è il modo in cui le persone nello spettro [dell’autismo] spesso descrivono cosa succede quando le cose si fanno troppe intense. In questo tipo di scene, cerco di mettermi nelle posizioni in cui chiunque può identificarsi: essere vittima di bullismo a scuola o essere sopraffatto da un partner. Ma con Sam, diventa tutto un po’ più spaventoso.

Quali sono alcuni dei cambiamenti per Sam nella stagione 2 di Atypical?

Nella prima stagione, Sam sta lottando per trovare l’amore e l’accettazione, e alla fine di quella stagione realizza il suo obiettivo. La seconda stagione riguarda maggiormente l’indipendenza di Sam. È alla fine della scuola superiore e ora deve decidere se andrà al college e, in caso affermativo, dove. Deve decidere se vivrà a casa o se ne andrà. Prende tutte le abilità dalla prima stagione e cerca di forgiare un percorso. Potete aspettarvi molte disavventure. È in missione per capire cosa farà della sua vita.

Atypical – Stagione 2: recensione della serie Netflix sul ragazzo autistico

SourceVariety

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Jenny Tamburi e quella spietata malattia che ha portato via l’icona della commedia sexy a soli 53 anni

Tutti la conoscevano come Jenny Tamburi e per anni Luciana della Robbia - vero nome dell'attrice italiana - è...

Articoli correlati