Lo Chiamavano Jeeg Robot

LUI: Lo chiamavano Jeeg Robot, cinecomic di Gabriele Mainetti e scintilla di speranza per il cinema italiano
LEI: spettatrice classe 1996

– Mbeh?
– Sì, è stato bello, Lo Chiamavano Jeeg Robot. Mi sei piaciuto.
– Ah. Te so’ piaciuto. So’ contento. Nun fa’ li sarti mortali che poi te fai male.
– Sì, insomma. Sei fatto bene, niente da dire, ma non ho capito tutto questo entusiasmo.
Ma guarda ‘n po’…
– E dai! Ti sviluppi secondo uno schema classico: prima il protagonista è uno sfigato qualsiasi, poi guadagna dei poteri, o assume una caratteristica che lo rende particolare, poi comincia a usare i suoi poteri per se stesso, poi per aiutare il prossimo, fino allo scontro con l’antagonista. E poi nel finale forse ti perdi un po’, tesoro.

Lo chiamavano Jeeg robot finale
Perchè a Gotham City il Colosseo mica ce l’hanno…

Fermate, pischella. Prima quando t’ho rimorchiata ar Pigneto nun t’ho chiesto quant’anni c’hai.
– Ho appena compiuto vent’anni, perché?
– Perché ‘mo me spiego la quantità de fregnacce che stai a di’. Certe cose voi regazzine nun le potete capì.
– Come sarebbe?
– Sarebbe che ce sta’ na generazione, in ‘sto paese: ‘a generazione de quelli nati appresso all’anni Ottanta, che s’è formata sui supereroi. Su Tiger Man, Mazinga, Lupin III e pure su Jeeg Robot. C’hanno er concetto de morale che arriva da Capitan America, da Spider-Man, che loro però nun l’hanno visti ar cinema, l’hanno conosciuti nei fumetti daa Panini. E ai tempi loro se dicevi che te leggevi Spider-Man passavi pure pe’ sfigato.
– Quindi è a loro che ti rivolgi. Con questa fioritura di cinecomic e saghe di supereroi hanno pane per i loro denti, no?
– Sì, ma quelli so’ prodotti de importazione.
– Importazione?
– Essì. So pure fatti bene, niente da dì, ma resteno robe de fora. E er cinema nostro? Che fa er cinema nostro? Che nun c’avemo i supereroi noi? Nun c’avemo ‘a tradizione de fumetti che quell’artri paesi sa’a sognano?
– In effetti sì. Ma sai anche tu com’è, Lo chiamavano Jeeg Robot: al cinema italiano non piacciono i generi…
– Enno. Al cinema italiano i genere je potrebbero pure piacé, ma nessuno c’ha le palle di mettesse a falli. Mejo fà n’artra commedia trucida o n’artro film d’autore, o aspetta’ er prossimo film de Zalone, che se va sul sicuro. Mejo Sorrentino che fa il verso a Fellini che provare quarcosa de novo.
– Sono leggi di mercato…
– Ecc’appunto, solo che pe’ seguì ‘e leggi de mercato so’ diec’anni che er cinema nostro piagne miseria.

Claudio Santamaria in Lo Chiamavano Jeeg Robot
MAI disturbare Jeeg Robot quanto sta guardando i pornazzi.

– E tu sei diverso?
– È regolare che so’ diverso. Te strizzo l’occhio ar cinecomic de Hollywood ma so’ italiano ner midollo. Guardo nell’occhi quaa generazione e je dico de nun perdè ‘a speranza, che pure a sto paese se ponno fa’ film de supereroi. Quindi, pischella ventenne der Pigneto, famme pure ‘e pulci, se t’aggrada.
– Beh, forse il tuo protagonista ha un carattere poco definito, ecco…
– E così dev’esse’, biondina. Er protagonista mio se chiama Enzo Ceccotti, mica Tony Stark. È ‘na mezza tacca senza futuro de Tor Bella Monaca, senza cultura e senza morale, senonchè je capita de beccasse i superpoteri. Pe dilla come ve piace a voi pischelli studiati, Enzo Ceccotti è ‘n personaggio tipo, è l’eroe daa storia. Se distingue dall’artri eroe dell’artre storie per suo essè un romano de Roma. E Claudio Santamaria fa quello che deve fa, mette insieme ‘n personaggio definito dar fisico più che dar carattere.

Claudio Santamaria in Lo Chiamavano Jeeg Robot
“Se c’avevo li superpoteri je facevo er c**o pure a Dennielcregghe!”

– E Ilenia Pastorelli?
– E che te devo dì? Che nun è ‘na grande attrice? Può pure esse’, ma ner caso mio ce calza a pennello. Dev’esse’ bona, mezza schizzata e fragile. Te fa piagne e te fa ride’, che voi deppiù? E poi ce sta Luca Marinelli, mannaggia a te. Er mejo villain che c’abbiamo avuto in Italia dai tempi de Gian Maria Volontè. Un personaggio scritto che mejo nun se poteva e interpretato che Marvel e Warner Bros so’o sognano. Che se penso c’ha fatto pure Tutti i santi giorni ancora nun ce posso crede’…
– Sì, Marinelli è spettacolare. Il debito verso il Joker di Heath Ledger c’è, ma la sua rimane un’ottima interpretazione.

Luca Marinelli in Lo chiamavano jeeg robot
“C’È UNA RAGIONE CHE CRESCE IN ME.”
E non c’è Heath Ledger che tenga.

– To’o ripeto, bella. Famme pure ‘e pulci. Quarche difetto ce l’avrò. Vale pe’ me come per Suburra, o Il Racconto dei Racconti. Nun volemo esse’ film perfetti ma volemo esse’ novi. E te potrà non piacere, ma Gabriele Mainetti, er regista mio, potrebbe esse’ er nostro Kevin Feige, er nostro Christopher Nolan, er nostro Joss Whedon. Ha fatto quarcosa de’ novo, co’ tutti che je ridevano in faccia. Ha fatto vede’ ar monno che i cinecomic li sapemo fa’ pure noi, e c’è riuscito co’ quattro spicci e du carci in culo.
– Va bene, Lo Chiamavano Jeeg Robot. Può darsi che il cinema italiano abbia effettivamente bisogno di film come te. Chissà? Potresti essere il primo “cinecomic neorealista”.
– Ecco. Er ritorno daa pischella der Pigneto. Torna a letto, che è mejo…
– Mmm… Che intenzioni hai?
– De darce dentro. Così armeno te stai zitta.

BONUS FEATURE per i fan di Lupin III.

SPECIALE OSCAR 2020
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE