Itziar Ituno su La Casa di Carta 4: ecco cosa accadrà a Lisbona [VIDEO]

Quale sarà il futuro dell'Ispettore, ormai Lisbona, in La Casa di Carta 4? Abbiamo intervistato l'attrice Itziar Ituno per scoprire questa e altre curiosità!

- Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2019 13:25 - Tempo di lettura: 1 minuto

Sul web tutti non fanno altro che parlare della quarta stagione, ma La Casa di Carta 3 è arrivata da poco su Netflix con una nuova parte dell’intrigante avventura de Il Professore e la sua banda. Dopo il difficile colpo alla Zecca di Stato i Robin Hood spagnoli si stanno godendo un po’ di tranquillità in vari paesi del mondo, ma quando Rio viene intercettato e catturato dalla polizia, sono costretti a riunirsi ancora una volta. Il nuovo obiettivo è l’oro custodito nella Banca di Spagna, un’impresa ricca di variabili e di rischi che tutti sono pronti a correre per salvare uno di loro e confermare nuovamente la loro idea di resistenza.

La Casa di Carta – stagione 4 si farà! Quando esce su Netflix e cosa sappiamo

Itziar Ituno, l’attrice originaria dei Paesi Baschi che interpreta l’ispettore Raquel Murillo che, per amore del Professore, diventa poi Lisbona, è stata ospite del Social World Film Festival che si svolge a Vico Equense dal 27 luglio al 4 Agosto 2019. Abbiamo avuto il piacere di incontrarla per farci raccontare alcune curiosità della serie tv amata in tutto il mondo, con particolare attenzione al suo personaggio che vive in prima persona l’eterno conflitto tra buoni e cattivi. Infatti, dopo aver passato le prime due stagioni a negoziare con Il Professore/Salvador al telefono, si innamora di lui e decide di cambiare la sua vita per sempre. Segue il cuore, ma soprattutto si rende conto che gli eroi forse non stanno dalla parte giusta, come aveva sempre pensato.

Itziar Ituno: intervista video all’ispettore, ormai Lisbona, de La Casa di Carta

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto