Serenity – L’isola dell’inganno: 5 cose che vi faranno amare il film di Steven Knight

Ecco alcuni motivi per i quali vale la pena vedere Serenity - L'isola dell'inganno, il film di Steven Knight con Matthew McConaughey ed Anne Hathaway protagonisti.

- Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2019 19:10 - Tempo di lettura: 4 minuti

Serenity – L’isola dell’inganno di Steven Knight è uno di quei thriller psicologici che sembra avere tutte le carte in regola per farsi amare dai fan. La pellicola diretta dal creatore della serie Peaky Blinders abbraccia tutta una serie di pellicole legate al mondo delle ossessioni, inserendo colpi di scena e riportando insieme sul grande schermo Matthew McConaughey ed Anne Hathaway.

In attesa di vedere il film al cinema, dal 18 luglio con Lucky Red, scopriamo insieme tutti i punti di forza della pellicola.

1. Serenity – L’isola dell’inganno e il cast da urlo!

È impossibile negare che Serenty – L’isola dell’inganno abbia un cast d’eccezione. Matthew McConaughey e Anne Hathaway si rincontrano dopo il viaggio tra le stelle di Interstellar e diventano, nel film di Knight, nucleo centrale delle vicende. A sostegno delle star compaiono due nomi come Jason Clarke e Diane Lane, portatori della parte melodrammatica della pellicola. Però è principalmente tra McConaughey e Hathaway che va a instaurarsi uno scontro/attrazione che tiene alta l’attenzione per tutto il film.

2. Attrazione fatale

A tenere gli spettatori incollati alla poltrona non sono solo le vicende che si susseguono lungo la pellicola, ma anche la fisicità degli attori protagonisti e, in particolare, la chimica che si percepisce nel momento in cui a condividere lo schermo sono John Mason/ Baker Dill, Karen e Frank Zariakas, interpretati rispettivamente da Matthew McConaughey, Anne Hathaway e Jason Clarke. Un ménage à trois che satura l’aria di agitazione, seduzione, sfida.
Il personaggio della Hathaway si ritrova tra due fuochi: da una parte il marito violento dal passato criminale, dall’altra l’irrequieto e docile marinaio a cui ha chiesto di proteggerla. Due uomini tanto diversi e una donna che non si lascia conoscere fino in fondo sembrano essere gli ingredienti base per la realizzazione di inquadrature in cui la suspense si taglia a fette, facendoci capire che in quei frangenti potrebbe succedere davvero di tutto.

3. L’originalità di Steven Knight

Serenity – L’isola dell’inganno nasconde un non so che di inaspettato. Il film comincia infatti come un noir moderno, con il classico uomo solitario e l’arrivo di una femme fatale intrigante, ma vira bruscamente la propria direzione per intraprendere le più disparate diramazioni. Non tanto nella trama, quanto nel mutamento di tono vediamo l’originalità dell’opera di Steven Knight, che fa del film una storia completamente nuova, cosa non facile da trovare al cinema negli ultimi tempi, visto l’abbondare di remake, reboot o sequel. Serenity – L’isola dell’inganno esplora così il suo genere di appartenenza e ne supera i confini, approdando in un mare di mistero. 

4. Serenity: l’isola da favola non è un inganno!

L’isola alla quale si fa cenno nel titolo è veramente un posto da sogno, incastonato nella Repubblica di Mauritius, in cui l’acqua è turchese e cristallina e la natura regala scenari spettacolari.
La maggior parte delle riprese del film sono state effettuate in un piccolo porto costruito per l’occasione nella città settentrionale di Trou-aux-Biches, dove si trovano le spiagge più belle dell’intera isola. Lavorare in un posto simile non significa, però, avere il lavoro facilitato: il cast ha infatti raccontato che, a causa dei rumori del mare aperto, molte scene sono state girate innumerevoli volte.

5. La sensualità di Matthew McConaughey e Anne Hathaway

A completare la bellezza delle location hanno provveduto la già citata bravura e l’incantevole fisicità dei protagonisti, a tal punto che non possiamo non soffermarci nel dettaglio su quanto siano incredibilmente sexy i due attori in Serenity – L’inganno dell’isola.

Certo, non è il primo film in cui possiamo decantare la bellezza statuaria dell’attore di Magic Mike, che però nell’opera di Steven Knight attira le sue fan facendo leva sul fascino del pescatore: un uomo all’apparenza semplice, intenzionato a condurre una vita tranquilla, ma scosso e ossessionato da una passione che lo brucia dall’interno. I suoi tuffi senza veli, poi, hanno destabilizzato persino la sua partner sul set, che in quanto a bellezza non scherza!

Bellissima anche quando cercava di non esserlo, Anne Hathaway cambia totalmente look sfoggiando una chioma bionda e conquista l’attenzione degli spettatori, contribuendo a far innalzare l’eroticità dell’intera pellicola, in un vortice che avvolge gli attori sul set tanto quanto il pubblico in sala.

Non possiamo svelarvi molto altro su Serenity – L’isola dell’inganno poiché vorremmo evitare di rovinarvi la visione. Possiamo solo dire che, dal momento in cui il cinema è basato sull’esperienza, non lo si può comprendere in nessun altro modo se non perdendosi nel buio della sala cinematografica.

Il film di Steven Knight è al cinema dal 18 luglio.