Pearl Harbor: la storia vera del film di Michael Bay con Ben Affleck

L'attacco a Pearl Harbor è stato uno degli eventi cruciali della Seconda Guerra Mondiale.

Da leggere

Dan Brown – Il simbolo perduto: rivelata la data di uscita della serie

È stata rivelata la data di uscita in Italia della serie TV basata su Il simbolo perduto, il bestseller...

L’avete riconosciuto? Ha un nome molto comune, è stato un bambino ribelle ed è stato vittima di un’orrenda mutilazione

Ha avuto la possibilità di lavorare con il mitico Paolo Villaggio Al teatro si è appassionato in tenerissima età, seguendo...

È stata la mano di dio: il film di Sorrentino è il candidato italiano all’Oscar

Nel concorso per il miglior film internazionale, l'Italia sarà rappresentata agli Oscar da È stata la mano di dio,...

Block title

È l’evento che ha segnato l’ingresso degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. Il 7 dicembre 1941, alle prime luci dell’alba, una flotta di portaerei della Marina imperiale giapponese attaccarono la United States Pacific Fleet e le installazioni militari statunitensi situate a Pearl Harbor – sull’isola di Oahu, nell’arcipelago delle Hawaii – in quello che è entrato nella storia come Attacco a Pearl Harbor. Gli eventi di quel giorno sono stati raccontati in parte in Pearl Harbor, film uscito nelle sale nel 2001, diretta da Michael Bay e con protagonisti Ben Affleck, Josh Hartnett e Kate Beckinsale. Il film ha ottenuto un grande successo commerciale conquistando 450 milioni di dollari in tutto il mondo e ottenendo quattro nomination agli Oscar 2002 trionfando nella categoria Miglior montaggio sonoro.

La vera storia di Pearl Harbor

Pearl Harbor; cinematographe.it

Nelle prime ore del 2 dicembre 1941 venne intercettato un messaggio che indicava il giorno preciso dell’attacco giapponese alla flotta americane nel Pacifico, ovvero il 7 dicembre 1941. L’attacco fu concepito e guidato dall’ammiraglio Isoroku Yamamoto – il quale si trovava nella baia di Hiroshima a bordo della nave da battaglia Nagato – con lo scopo di distruggere la flotta statunitense del Pacifico. Nei sette giorni che precedettero l’attacco, il capitano di vascello C. McMoriss ed il comandante V. Murphy rassicurarono Husband Kimmel – l’ammiraglio della flotta situata a Pearl Harbor – che un attacco giapponese alle Hawaii era improbabile, nonostante i messaggi intercettati dalla Marina dicessero l’esatto opposto.

Quando intercettarono il messaggio giapponese che dava l’ordine di attaccare, lo trasmisero al generale G. Marshall. Quest’ultimo, per comunicarlo a Pearl Harbor, si servì alquanto inspiegabilmente della comunicazione più lenta, ovvero la R.C.A., senza nemmeno porre sul telegramma il timbro della precedenza. Il messaggio, infatti, arrivò dopo l’attacco. Alle 7:52 del 7 dicembre, la flotta di portaerei della Marina imperiale giapponese iniziò ufficialmente l’attacco a Pearl Harbor, che provocò la morte di 2476 uomini. Tutta la flotta americana nel Pacifico venne spazzata via con ferocia e piuttosto facilmente. L’attacco venne battezzato dal presidente Roosevelt come “il giorno dell’infamia“, il giorno in cui l’intera America fu deliberatamente attaccata.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Dan Brown – Il simbolo perduto: rivelata la data di uscita della serie

È stata rivelata la data di uscita in Italia della serie TV basata su Il simbolo perduto, il bestseller...

Articoli correlati