ABC Marvel Cinematographe.it

Il Marvel Cinematic Universe è diventato negli anni il più grande franchise cinematografico nella storia del cinema, con oltre 22 miliardi di dollari incassati con 23 produzioni. Ma anche i Marvel Studios non sono perfetti. E sì, perché in alcuni film ci sono diversi errori temporali e non che non sono sfuggiti ai fan più accaniti. Se non li avete notati, ve li sveliamo noi!

La creazione di Adam Warlock

In una delle scene post credit di Guardiani della Galassia Vol.II, vediamo Ayesha, la Grande Sacerdotessa dorata e regina del popolo dei Sovereign, osservare alla creazione di un nuovo membro della loro razza, Adam Warlock. Un personaggio che però era stato già “introdotto”. In Thor: The Dark World, infatti, nella scena in cui vediamo Thor e Lady Sif consegnare la pietra della realtà al Collezionista, possiamo notare che in una delle teche c’è il bozzolo di Adam.

Il salto temporale in Spider-Man: Homecoming

Dopo il debutto in Captain America: Civil War, Peter Parker è entrato ufficialmente nel MCU con Spider-Man: Homecoming. Per presentare al meglio il personaggio, la Marvel ha deciso di creare un prologo che spiegasse le origini del villain della storia, Adrian Toomes / L’Avvoltoio. Il flashback si svolge sulla scia della famosa battaglia di New Work in The Avengers – avvenuta tecnicamente quattro anni prima degli eventi di Spider-Man: Homecoming – presentandoci Toomes come operaio di una ditta che deve ripulire i rottami lasciati da Loki e il suo esercito di Chitauri. Sullo schermo, invece, appare la scritta “Otto anni dopo“. Un errore temporale non da poco…

La falsa copia del Guanto dell’Infinito

Come ben sappiamo, le Gemme dell’Infinito hanno avuto un ruolo fondamentale nel MCU. Il guanto dell’Infinito ha fatto la sua prima apparizione in Thor di Kenneth Branagh all’interno della volta di Odino su Asgard. I fan sono rimasti piuttosto confusi quando hanno visto Thanos indossare il guanto alla fine di Avengers: Age of Ultron. La Marvel ha risolto questo problema di continuità rivelando che il primo era una falsa copia, attraverso una scena presente in Thor: Ragnarok con protagonista Hela.

Il cameo di Stan Lee in Guardiani della Galassia Vol.2

Il cameo di Stan Lee in Guardiani della Galassia Vol. 2 è stato tra quelli più iconici dell’intero MCU. Il creatore di fumetti interpreta un astronauta che inizia a raccontare ai The Watchers di tutti i suoi cameo, tra cui quello in Captain America: Civil War in cui consegna, nelle vesti di un corriere, un pacco a Tony Stark da parte di Steve Rogers. Peccato che Civil War sia ambientato temporalmente parlando due anni anni dopo Guardiani della Galassia Vol.2.

Le sopracciglia bionde di Thor

Kevin Feige si è mostrato sempre molto soddisfatto dalle scelte creative fatte in questi anni. Il produttore, però, ha affermato che vorrebbe che Thor tornasse ad avere le sopracciglia bionde come nel primo film dedicato al Dio del Tuono. In effetti, il personaggio ha avuto diverse trasformazioni negli anni. Vedremo se Taika Waititi esaudirà questo suo desiderio in Thor: Love & Thunder.