La magnifica preda cinematographe.it

Unico film western di Otto Preminger, La magnifica preda è un film del 1954 con Marylin Monroe. Protagonisti della pellicola, ambientata nell’epoca della febbre d’oro in Canada, sono il vedovo Matt Calder (Robert Mitchum) e il figlio Mark (Tommy Rettig), ritrovato dal padre in una tendopoli, prima affidato a Kay (Marylin Monroe), una cantante di Saloon. Il fidanzato di Kay la convince a partire per Council City, usando una zattera lungo il fiume, ma si trovano in difficoltà e vengono tratti in salvo da Matt e Mark. Quando Harry, propenso ad andare via terra, ruba loro cavallo e fucile, Kay decide di aiutarli: è così che iniziano le avventure del trio, che si ritrova poi in fuga in una zattera a seguito dell’invasione del ranch da parte di un gruppo di Indios.

Gli iconici scenari del film e le scene nel fiume, girati in CinemaScope e Technicolor, sono indimenticabili: ma dove sono ambientati? Gran parte della pellicola è ambientata in Canada, e diversi fiumi sono stati inquadrati, con alcune parti girate negli Stati Uniti sia all’aperto che negli Studios della 20th Century Fox.

Leggi anche – La Magnifica Preda: recensione

La magnifica preda cinematographe.it

La magnifica preda: il Banff National Park

Tra gli scenari protagonisti ne La magnifica preda c’è il Banff National Park, ovvero il primo parco nazionale del Canada (fondato oltre un secolo fa, nel 1885!). Esteso 6.641 chilometri quadrati – che equivalgono, per intenderci, il doppio della Valle D’Aosta – si trova nella provincia canadese di Alberta e prende il nome dalla città di Banff, che è il principale centro abitato dell’area. È caratterizzato dalle montagne rocciose, laghi dalle acque cristalline e la natura selvaggia che domina lo sfondo, un panorama che è molto familiare per chi ha visto la pellicola! La riserva riceve ogni anno oltre tre milioni di visitatori che possono dedicarsi a svariate attività come campeggio, scii ed escursioni. Parte dei parchi delle Rocky Mountain del Canada, è considerato patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO.

La magnifica preda cinematographe.it

Il Jasper National Park

Ma a ricordarci l’ambientazione de La magnifica preda c’è anche il Jasper National Park, situato a nord del Banff National Park e notevolmente più esteso con i suoi 10.878 chilometri quadrati (supera ampiamente la superficie della Basilicata). Noto anche per essere la location che ha ispirato il film d’animazione Alpha and Omega, il parco attira oltre un milione di turisti l’anno, attirati da una fauna ricca di specie non comuni: i grizzly, coyote, puma, linci canadesi, caribù, pecore delle Montagne Rocciose, martore, pika, ghiottoni, aquile reali, gufi cornuti… Questi sono soltanto alcuni dei mammiferi e dei volatili che si possono avvistare nell’area! A sua volta considerato patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO, include numerose attrazioni paesaggistiche, dalla Strada dei Ghiacciai alle cascate dell’Athabasca, dal monte Edith Cavell al lago Piramide.

La magnifica preda cinematographe.it

Le scene del fiume: Maligne River, Bow River, Snake Indian River e Salmon River

Ma è il fiume il vero protagonista de La magnifica preda: o meglio, dovremmo dire i fiumi. Le scene in cui vediamo Mark, Matt e Kay sulla zattera sono state girate in diverse in quattro fiumi diversi, di cui due, il Maligne e lo Snake Indian, scorrono attraverso il Jasper National Park; attraverso il Banff National Park scorre invece il fiume Bow, altra location in cui si sono mossi i personaggi. Infine, il Salmon River è l’unico a scorrere negli Stati Uniti, in particolare nell’Idaho, a nord-ovest della nazione.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto