DAVID DI DONATELLO 2019 dogman matteo garrone cinematographe

Gomorra è senza dubbio il debutto ufficiale di Matteo Garrone. Il film tratto dal romanzo di Roberto Saviano conferisce infatti al regista romano attenzioni di cui forse prima non aveva goduto. Da quel momento gli occhi di critica e pubblico sono puntati sul suo operato e lui, dal canto suo, sembra non sbagliare un colpo! Così dopo il successo di Gomorra (2008), il 2012 è l’anno di Reality; entrambi i film vengono fregiati col Grand Prix, ma il cambio di rotta è sicuramente Il Racconto dei Racconti (2015), attraverso il quale Garrone si distacca dalla dura realtà per viaggiare in mondi fiabeschi e bellissimi. Col film ispirato alle fiabe di Giambattista Basile il regista viene candidato per la Palma d’oro al Festival di Cannes, vincendo il Globo d’oro per la Migliore sceneggiatura, diversi David di Donatello e Nastri d’Argento.

Adesso, dopo tre anni, Matteo Garrone torna di nuovo dietro la macchina da presa con un altro attesissimo film, Dogman, che vedremo in concorso alla 71ª edizione del Festival di Cannes. Ma cosa sappiamo finora sul film? Vediamolo insieme nel dettaglio!

Dogman: la data d’uscita del film di Matteo Garrone

Come abbiamo appena detto, il film sarà presentato al festival francese, che si terrà a Cannes dal martedì 8 a sabato 19 maggio. Ma quando il pubblico italiano potrà vederlo in sala? Dogman uscirà al cinema giovedì 17 maggio grazie a 01 Distribution (che si è occupata anche di Reality, Gomorra e Il Racconto dei Racconti). Il film è prodotto da Archimede e Le Pacte con Rai Cinema e ha goduto dle contributo di Eurimages, del sostegno della Regione Lazio e della Regione Campania.

Dogman di Matteo Garrone: il cast artistico e tecnico

Tra gli attori che troveremo nel cast di Dogman abbiamo Marcello Fonte (Io sono Tempesta), Edoardo Pesce (Se Dio vuole), Nunzia Schiano (Benvenuti al Sud), Adamo Dionisi (Suburra), Francesco Acquaroli (Suburra – La serie), Alida Calabria, Gianluca Gobbi (Habemus Papam).
Il soggetto e la sceneggiatura sono stati curati, oltre che dallo stesso Matteo Garrone, anche da Ugo Chiti e Massimo Gaudioso. Il direttore della fotografia è Nicolai Brüel; Marco Spoletini si è occupato del montaggio, Dimitri Capuani delle scenografie, Massimo Cantini Parrini (Premio David e Nastro d’Argento) dei costumi, Maricetta Lombardo (Gomorra, Il racconto dei racconti) del suono in presa diretta, Mirko Perri del sound design. Vanno menzionati inoltre Francesco Vedovati per i casting; Ciro Scognamiglio, Paolo Trotta, Andrea Tagliaferri come aiuto regia; Gian Luca Chiaretti come organizzatore generale, Alessio Lazzareschi come produttore e Paolo Del Brocco, Jean Labadie e Jeremy Thomas come produttori insieme a Matteo Garrone.

Dogman: la trama e il trailer del film di Matteo Garrone

Come ha detto lo stesso regista, il film è ispirato a un fatto realmente accaduto, ma non per questo ripercorrerà per filo e per segno quell’evento. Un film che parla di uomini duri e uomini miti, di gente comune che deve cercare di vivere in un mondo spesso crudele. Ha dichiarato a tal proposito Garrone:

Dogman è un film che si ispira liberamente ad un fatto di cronaca nera accaduto trent’anni fa, ma che non vuole in alcun modo ricostruire i fatti come si dice che siano avvenuti.
Ho iniziato a lavorare alla sceneggiatura dodici anni fa: nel corso del tempo l’ho ripresa in mano tante volte, cercando di adattarla ai miei cambiamenti. Finalmente, un anno fa, l’incontro con il protagonista del film, Marcello Fonte, con la sua umanità, ha chiarito dentro di me come affrontare una materia così cupa e violenta, e il personaggio che volevo raccontare: un uomo che, nel tentativo di riscattarsi dopo una vita di umiliazioni, si illude di aver liberato non solo se stesso, ma anche il proprio quartiere e forse persino il mondo. Che invece rimane sempre uguale, e quasi indifferente.

Di seguito la sinossi ufficiale:

In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l’unica legge sembra essere quella del più forte, Marcello è un uomo piccolo e mite che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toelettatura per cani, l’amore per la figlia Sofia, e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l’intero quartiere. Dopo l’ennesima sopraffazione, deciso a riaffermare la propria dignità, Marcello immaginerà una vendetta dall’esito inaspettato.

Dogman: il poster e le prime immagini