Daniel Radcliffe e i film di Harry Potter: curiosità e affinità

- Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2017 10:58 - Tempo di lettura: 5 minuti

Quando parliamo di Daniel Radcliffe non possiamo fare a meno di pensare al maghetto più famoso di tutti i tempi al quale, per otto film, ha prestato il volto; parliamo (ovviamente) di Harry PotterDaniel ormai è cresciuto e, lasciate le aule di Hogwarts, ha interpretato diversi ruoli da protagonista. Daniel Radcliffe festeggia il oggi suo 27° compleanno e noi vogliamo svelarvi qualche curiosità che forse vi siete persi, ovvero 9 cose che NON ha in comune con Harry.

10. Date di nascita

Non sarà una sorpresa per nessuno: Daniel Radcliffe e Harry Potter non sono nati lo stesso giorno. Non sono nati neppure lo stesso anno! Ebbene sì, mentre Daniel è nato il 23 luglio 1989, la data di nascita del giovane mago risulta essere il 31 luglio 1980 facendo di lui un affascinate mago trentaseienne! Almeno però, festeggiano lo stesso mese…

9. Occhi verdi come quelli della madre

In teoria, gli occhi di Harry avrebbero dovuto essere verdi, ma Daniel Radcliffe ha decisamente gli occhi azzurri. Chris Columbus, durante le riprese di Harry Potter e La Pietra Filosofale, tentò di cambiare il colore degli occhi del piccolo attore con una tecnica innovativa nel regno magico… tecnica conosciuta dai babbani come “lenti a contatto colorate” ma, ahimè, il povero Daniel ebbe una brutta reazione allergica e Columbus dovette accontentarsi degli occhi azzurri.

Il mistero, in realtà, arriva con I Doni della Morte – Parte 2; il regista David Yates sembra essere stato posto sotto l’effetto di qualche incantesimo cancella memoria perché risulta più che evidente, soprattutto dopo la celebre ultima battuta di Piton, che gli occhi della piccola Lily Potter e quelli di Harry non siano affatto uguali. Non solo non sono verdi, ma non sono neanche azzurri! Il vero quesito è: perché non cambiarli digitalmente (per evitare di incorrere in altri problemi con le lenti) visto che per L’Ordine della Fenice era stato fatto per la scena della possessione di Harry da parte di Voldemort?

8. Daniel Radcliffe e la fidanzata sul set

Come spesso accade nel mondo del cinema, una potenziale “storia d’amore” era pronta a nascere già durante le riprese del primo Harry Potter. Gli 11 anni non sono proprio il periodo per dichiarazioni d’amore immortali, ma vanno senz’altro bene per le prime infatuazioni. Daniel Radcliffe, durante la premiere di Harry Potter e I Doni Della Morte, ha dichiarato di aver avuto una cotta per Emma Watson quando aveva 11 anni. Al contrario di Harry che, per Hermione, ha sempre provato soltanto una profonda amicizia e mai nulla di simile ad un’infatuazione.

7. Il cappello parlante

Secondo i libri e i film, ogni studente di Hogwarts va prima “smistato” in una delle quattro case dal cappello parlante. Inutile dire che Daniel non potrà mai essere smistato da un cappello magico, ma potrebbe esserlo dal sito internet Pottermore creato da J. K Rowling in persona. Molti dei suoi colleghi/ex alunni della scuola di magia hanno già fatto il loro smistamento (con risultati a volte sorprendenti!) ma Daniel, al contrario di Harry, non è mai stato assegnato ad una casa. Che abbia il timore di finire in Serpeverde e creare uno squarcio nella realtà così come noi la conosciamo?

6. Nemici/amici

La rivalità tra Draco Malfoy e Harry Potter è una di quelle leggi invariabili dell’universo. Harry e Draco sono stati l’uno alla gola dell’altro dal primo capitolo della saga. Bene. Sarete lieti di sapere che Tom Felton e Daniel Radcliffe, per quanto ne sappiamo, non hanno mai tentato di uccidersi con maledizioni o quant’altro. Sul set erano diventati grandi amici, un’amicizia che è perdurata anche dopo la fine delle riprese.

5. Occhiali da vista

Come Hermione ci fa sapere ne I Doni della Morte – Parte 1, Harry è “praticamente cieco” e senza i suoi occhiali non vede nulla. La vista di Daniel Radcliffe è perfetta e quindi gli occhiali gli sono serviti solo per interpretare la parte del piccolo mago. La cosa affascinate è che Daniel ha rotto più occhiali di quanti non abbia mai fatto Harry! Durante le riprese di tutti i film, infatti, Daniel ha dovuto rimpiazzare ben 160 paia di occhiali rotti. Harry, con l’aiuto dell’incantesimo Reparo, si è potuto tenere lo stesso paio per tutti i capitoli della saga.

4. Daniel Radcliffe e l’altezza

All’inizio della serie, nei libri Harry è descritto come un ragazzino magrolino e piuttosto basso rispetto alla sua età, fatto dovuto all’essere cresciuto per 11 anni nel sottoscala dei suoi zii. Andando avanti però (e uscito dal sottoscala) Harry diventa più alto di molti dei suoi coetanei laddove Daniel, invece, si è alzato solo fino al raggiungimento dell’altezza di 1,65 metri. Arti magiche oscure saranno state chiamate in causa dal giovane mago… ma almeno Daniel si è evitato il soggiorno nel sottoscala!

3. New York, New York

Harry Potter avrà anche la magia dalla sua parte, eppure il maghetto non ha mai lasciato l’Inghilterra, neppure potendosi smaterializzarsi quando e dove voleva al compimento della maggiore età. Daniel Radcliffe invece è stato a New York, dove possiede un appartamento! Sarebbe stato utile a Harry un rifugio così fuori mano durante la sua fuga da Voi Sapete Chi…

2. Amici per sempre

Nei libri, così come nei film, sappiamo che Harry e Ron Weasley sono diventati una vera  e propria famiglia; Harry sposa la sorella di Ron divenendo a tutti gli effetti suo cognato, solidificando un’amicizia storica. Sebbene Daniel Radcliffe e Ruper Grint non siano (almeno per ora) imparentati in nessun modo, continuano comunque ad avere un buon rapporto di amicizia anche ora, a distanza di anni e al di fuori dal set. Il fan interiore che è in ognuno di noi può accontentarsi benissimo anche così, non trovate?

1. E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO