Ancora auguri per la tua morte: la spiegazione del sequel horror

I loop temporali, diversi killer Babyface e il finale di Ancora auguri per la tua morte. Un spiegazione è quello che ci vuole per chiudere il cerchio narrativo

Il finale di Ancora auguri per la tua morte non solo ha rivelato il motivo dei loop temporali che costringono Tree Gelbman (Jessica Rothe) a rivivere lo stesso giorno più volte, ma ha anche allestito un multiverso e gettato le basi per un terzo film. Scritto e diretto da Christopher Landon, il sequel riprende immediatamente dopo gli eventi del precedente capitolo, Auguri per la tua morte, in cui Tree ha risolto il proprio omicidio e si è liberata dall’essere intrappolata in un loop temporale.

Mentre il primo è stato un vero e proprio film horror-slasher mixato con l’espediente già usato in Ricomincio da capo (1993), dove il personaggio principale ripete lo stesso giorno più e più volte, questo secondo capitolo è ancora più geniale. Il sequel conserva il suo serial killer, il mascherato Babyface Killer, ma i momenti di inattività sono i suoi elementi horror. Si tratta più di una commedia di fantascienza ispirata alla seconda parte di Ritorno al Futuro, che coinvolge universi paralleli. Il passaggio di genere è dovuto alla volontà del produttore Jason Blum, desideroso che ogni film di Auguri per la tua morte sia diverso.

Tuttavia, Ancora auguri per la tua morte è incredibilmente ambizioso con la sua storia complessa. Come si evince dal trailer, Tree è di nuovo costretta in un loop temporale, ma afferma ingannevolmente che il Babyface Killer è ora in “tutti noi” e non è così; la pubblicità nasconde la vera storia del film, ovvero che Tree è anche intrappolata in un universo parallelo. Se il film vi ha lasciati confusi, ecco la spiegazione dei loop temporali, del multiverso e di tutto quello che c’è da sapere su questo pazzo sequel.

Ancora auguri per la tua morte: la spiegazione del loop temporale, della sua origine e di come funziona davvero

Il film rivela subito la causa del loop temporale di Tree: avviene tutto grazie a un dispositivo chiamato Sisyphus Quantum Generator. Mentre gli eventi del film originale si stavano verificando, Ryan (Phi Vu), il compagno di stanza di Carter, e i suoi colleghi di laboratorio Saraj (Samar Ghosh) e Dre (Sarah Yarkin) stavano lavorando al loro progetto scientifico presso l’edificio della scienza e della tecnologia dell’Università di Bayfield. Il loro dispositivo, che hanno chiamato “Sisy”, è stato progettato per rallentare il tempo. Ma non sono riusciti a ottenere gli algoritmi corretti e Sisy ha creato un loop temporale che in qualche modo ha intrappolato Tree (i malfunzionamenti del progetto sono anche responsabili degli oscuranti blackout che hanno afflitto il campus nel primo film).

In Auguri per la tua morte, il loop temporale di Tree l’ha costretta a rivivere il suo compleanno, lunedì 18 settembre, che si è sempre concluso con il suo omicidio. Dopo essere morta undici volte, Tree riesce a salvarsi e a liberarsi quando capisce che è la sua compagna di stanza Lori (Ruby Modine) che trama per ucciderla; uccidendo Lori, la protagonista ha chiuso quel loop temporale ed è stata in grado di passare al giorno successivo. Per questo motivo sembrava che l’uccisione da parte di Tree del suo stesso assassino avesse spezzato il loop temporale, ma non è esattamente così.

Tree è sopravvissuta alla giornata, ma ha passato il loop temporale a Ryan, che ha cominciato a rivivere martedì 19 settembre all’inizio di Ancora auguri per la tua morte. Anche Ryan aveva il suo Babyface Killer che l’ha ucciso, obbligandolo a sua volta a ripetere quella giornata. Fortunatamente, Tree sapeva esattamente cosa stava succedendo (suo malgrado) così lei, Carter e Ryan hanno creato una trappola per il nuovo Babyface. Quando Tree ha salvato Ryan, hanno smascherato Babyface, rimanendo scioccati nello scoprire che si trattava di un doppelganger di Ryan. Ryan II pensava che uccidere l’altro Ryan fosse l’unico modo per fermare il loop temporale, ecco perché stava uccidendo “se stesso”. Perché Ryan II ha scelto di indossare la maschera Babyface Killer e di comportarsi come un serial killer?

Anche Ryan II sapeva che Sisy era instabile, ma Ryan l’ha comunque attivato; l’algoritmo errato del dispositivo ha causato un sovraccarico che ha colpito tutti in laboratorio, ma è stata Tree a essere la più centrata. È stata rimandata al 18 settembre e in un nuovo ciclo temporale – solo che questa volta, è finita anche in un universo parallelo. Lì, le regole per il loop temporale sono le stesse: Tree deve morire per resettare il giorno, ma questa volta, non è il bersaglio del Babyface Killer, quindi deve suicidarsi per forzare un reset.

Ancora auguri per la tua morte: la spiegazione del multiverso

Si scopre che Auguri per la tua morte esiste in un multiverso! La maggior parte di questo secondo capitolo si verifica in un universo alternativo in cui Tree è stata inviata dal malfunzionamento di Sisy. Questo mondo presenta una varietà di grandi differenze rispetto a quello che conosce. La più grande è che la sua compagna di stanza Lori (che ora è morta nell’universo del film originale) è la vittima che viene uccisa dal Babyface Killer. Parte del calvario di Tree è proprio cercare di salvare Lori e, ogni volta che fallisce, deve morire per resettare il giorno e riprovare, diventando lei stessa l’obiettivo del nuovo Babyface o trovando mezzi creativi per suicidarsi.

Le ramificazioni complete del multiverso e di Tree che viaggia verso un universo parallelo non sono chiare. Tree ha rimpiazzato la versione alternativa dell’universo di se stessa, dicendo a Carter, Ryan, Saraj e Dre che si trovava sia in un loop temporale che in una realtà diversa. Altrimenti, nessuno avrebbe notato che la ragazza proveniva da un altro universo, nemmeno i suoi genitori.

La più grande domanda rimasta senza risposta qui è quello che è successo all'”altra” Tree. Quella Tree ha preso il posto di Tree “Prima” nell’universo del primo film, con entrambe intrappolate in un loop temporale simultaneo in due universi simultanei (uno da cui solo Tree Prima può farle uscire)? Oppure Tree II è stata spinta in un terzo universo, che ha creato un effetto domino attraverso l’universo? Dato il finale di Ancora auguri per la tua morte, questo non sembra essere qualcosa di cui il film sia troppo interessato.

Ancora auguri per la tua morte: com’era diverso l’universo parallelo?

L’universo a specchio di questo secondo film è quasi identico a quello di Tree Prima, tranne che per tre differenze fondamentali: in primo luogo, Lori è ancora viva ed è lei l’obiettivo di Babyface Killer invece che la persona dietro la maschera. Ciò accade perché in questo universo Tree non ha mai avuto una relazione con il suo professore, Dr. Gregory Butler (Charles Aitken), nello stesso momento in cui ce l’aveva anche Lori. Pertanto, Tree e Lori sono in realtà amiche intime. Secondo, la sorella amica/nemica della confraternita di Tree, Danielle (Rachel Matthews) è la fidanzata di Carter. Infine, nell’universo parallelo, anche la madre di Tree (Missy Yager) è ancora viva.

In realtà Tree preferisce vivere nell’universo parallelo, perché anche se Carter esce con Danielle, è felicissima di riavere sua madre. In Auguri per la tua morte, essere costretta a rivivere lo stesso giorno costrinse la ragazza a rendersi conto di essere diventata una persona terribile dopo la morte della madre, avvenuta tre anni prima. Tuttavia, Tree ha anche gradualmente compreso che lei non appartiene all’universo parallelo; sua madre aveva tre anni di ricordi con l’altra sé, che lei non possiede – e sta vivendo la vita di qualcun altro. Alla fine, Tree ha dovuto lasciare di nuovo sua madre e ha scelto di tornare nel suo universo.

Tutti i Babyface Killer in Auguri per la tua morte 1 & 2

In entrambi i film di Auguri per la tua morte ci sono in realtà più Babyface Killer. Nel primo, i Babyface Killer erano Lori e John Tombs, il serial killer che è stato ammesso alle cure di Lori al Bayfield Hospital, e ognuno di loro ha ucciso Tree più volte. Lori odiava Tree perché era una pessima compagna di stanza ed entrambe avevano una relazione con Gregory; voleva che Tree morisse per averlo tutto per sé. John Tombs era sia la riserva di Lori, se non fosse riuscita a uccidere Tree, che il suo capro espiatorio.

In Ancora auguri per la tua morte, i Babyface Killer erano Gregory e sua moglie Stephanie (Laura Clifton), insieme al suddetto Ryan II. Gregory e Stephanie stavano entrambi lavorando per uccidere Lori, perché aveva una relazione con lo stesso Gregory (sebbene Gregory volesse anche Stephanie morta in modo da poter essere single e il suo piano definitivo, infatti, era quello di allontanare sia l’amante che sua moglie). Quindi, in entrambi gli universi, Lori ha una relazione con Gregory, ma nell’universo alternativo del secondo film, Tree non è nel triangolo e Gregory non sa nemmeno chi lei sia.

Ecco come il finale di Ancora auguri per la tua morte chiude il loop temporale

Mentre il 18 settembre continuava a ripetersi nel film, Tree divideva il suo tempo nell’universo alternativo per raggiungere diversi obiettivi: voleva trascorrere del tempo con sua madre, desiderava salvare Lori e ha dovuto imparare la meccanica quantistica. Dato che Tree è l’unica a conservare la memoria dopo che il giorno è stato ripristinato, spettava a lei imparare tutto e correggere le complesse equazioni matematiche e poi insegnarle di nuovo a Ryan, Samar e Dre in modo da poter sistemare Sisy. Alla fine, grazie alla sua “memoria pazza”, Tree ha appreso tutti i calcoli necessari e sono stati in grado di perfezionare l’algoritmo e di far funzionare Sisy correttamente.

In origine, Tree voleva che Sisy venisse riparato in modo da usarlo per chiudere il loop temporale, ma restando nell’universo parallelo per poter rimanere in un mondo in cui sua madre era ancora viva. Tuttavia, Tree alla fine si è resa conto di non appartenere a quel mondo, scegliendo di tornare nel proprio, dove Carter era il suo ragazzo. Riesce a salvare Lori e svela che Gregory e Stephanie sono i Babyface Killer, rimettendo tutto a posto nell’altro universo, proprio come Ryan e gli amici attivano Sisy, rilasciando una bolla quantistica che fa tornare Tree nel suo universo appropriato.

La ragazza si è svegliata nel momento in cui Sisy ha funzionato male nel suo universo originale, il che significa che tutto ciò che è accaduto a Tree nel mondo parallelo è avvenuto in una frazione di secondo per gli altri. Era (ancora una volta) martedì 19 settembre, quindi era, di nuovo, libera dal ciclo temporale e tornata nel suo universo di appartenenza. Il ciclo è chiuso, apparentemente per sempre.

Ancora auguri per la tua morte: cosa sappiamo del secondo Ryan?

Mentre il finale del film risolve la maggior parte delle sue grandi domande, c’è ancora la questione legata al doppelganger di Ryan: da dove viene e cosa gli è successo dopo? Proveniva dall’universo parallelo in cui Tree ha trascorso la maggior parte di questo capitolo o dal futuro dell’universo originale? Avrebbe avuto senso che fosse venuto dal futuro visto che si era travestito da Babyface Killer e quindi era a conoscenza dei tentativi di Lori e di John Tomb di uccidere Tree e usava lo stesso costume e metodo per uccidere l’altro Ryan. Avrebbe anche saputo dei malfunzionamenti di Sisy e quindi pensava che uccidere l’altro Ryan avrebbe chiuso il loop. Se proveniva dall’universo parallelo, in qualche modo non conservava alcun ricordo del suo tempo nel loop quando Tree l’ha attraversato.

Ad ogni modo, Ryan II scompare del tutto alla fine di Ancora auguri per la tua morte, probabilmente a causa del malfunzionamento di Sisy o del suo aggiustamento. Tuttavia, la sua provenienza e come è stata risolta la sua storia rimangono tutt’ora una grande domanda.

La scena Mid-Credits di Ancora auguri per la tua morte imposta la parte 3

La scena post-credits di Ancora auguri per la tua morte conferma il terzo film!

Il film ha una scena di mid-credits che apre la strada a un terzo film. È ancora martedì 19 settembre e Tree, Carter, Samar e Dre sono costretti a ripulire la spazzatura attorno al campus di Bayfield come servizio alla comunità – questa è la loro punizione per aver sfidato gli ordini di Dean Bronson (Steve Zissis) di non accendere Sisy, che doveva essere confiscato. All’improvviso arrivano i SUV neri appartenenti alla DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) e il dott. Parker (Kenneth Israel) ordina ai quattro studenti del college di andare con lui. Arrivato al quartier generale della DARPA, il dott. Parker rivela di aver portato la macchina Sisy nel suo laboratorio e che vogliono usarla per testare i loop temporali. Tree offre una nuova cavia per l’esperimento: Danielle, che si sveglia nel suo letto urlando, presumibilmente perché ora è intrappolata nel suo loop temporale.

Questo è un grande indizio sulla trama di Auguri per la tua morte 3, per il quale il regista Christopher Landon ha dichiarato di avere un’idea “davvero forte e divertente” visto che “ha sempre immaginato Auguri per la tua morte come una trilogia”. Nonostante Danielle sia stata destinata a essere la nuova vittima del loop temporale, in qualche modo tornerà sicuramente anche da Tree, che dovrà letteralmente salvare la situazione. Resta da vedere se il film finale potrà superare la pura comicità del secondo capitolo – o se il mondo è pronto per quello che verrà nel terzo (che potrebbe anche far parte di un universo condiviso da Blumhouse).

Articoli correlati