Rocketman: tutte le canzoni del biopic su Elton John

Dalla ballad Tiny Dancer al ritmo di Crocodile Rock; dalla romantica Your Song alla canzone premio Oscar (I'm Gonna) Love Me Again. I brani più famosi di Elton John contenuti nella colonna sonora di Rocketman, il biopic con Taron Egerton diretto da Dexter Fletcher.

Da leggere

Downtown Abbey 2 colorerà Natale prossimo con eleganza e regalità

Downtown Abbey 2: sotto l'albero, un ritorno gradito Downtown Abbey è una leggendaria serie televisiva britannica in costume andata in...

Vinicio Marchioni promuove la dittatura e i fan sono dalla sua parte. Ecco perché

Decine di lavoratori dello spettacolo come tecnici audio, video e luci, direttori artistici, promoter e autori, hanno manifestato lo...

Love, Death and Robots – Volume 2: il trailer ci porta nuovamente nel mondo bizzarro di Tim Miller

Love, Death and Robots - Volume 2: bentrovati nel folle e colorato universo robotico Love, Death and Robots - Volume...

Inizia con un flashback d’infanzia Rocketman, il biopic del 2019 che racconta la vita e la carriera di una delle star pop-rock più famose al mondo. Elton è in rehab per tentare di uscire fuori da una spirale di alcol e droghe che lentamente continuano a trascinato in basso, tra eccessi, solitudine e depressione. In una sezione di terapia di gruppo la grande star è costretta a tornare con la mente a Pinner quando si chiamava ancora Reginald Dwight, al suo rapporto burrascoso con il padre e l’unico vero affetto della nonna materna. Tutto cambia all’improvviso quando al piccolo viene regalato un pianoforte che prontamente rivela il suo vero talento per la musica che gli cambierà per sempre la vita. Nel biopic diretto dal regista statunitense Dexter Fletcher (regista anche di Bohemian Rhapsody) la musica, il canto ma soprattutto i tasti bianchi e neri del piano sono l’inizio di una vita straordinaria fra successi mondiali e battaglie personali, costumi sgargianti e dolori privati.

La colonna sonora, in Rocketman, si sostituisce spesso al racconto e le canzoni cantate dagli stessi protagonisti animano una pellicola biografica (o un musical) che, omaggiando il grande artista, si fa anche parabola universale di ascesa, caduta e risalita di una star. In Rocketman Elton è interpretato dal britannico Taron Egerton che proprio grazie alla sua ottima performance ha vinto un Golden Globe per il miglior attore. Ripercorriamo dunque alcuni brani chiave della carriera del baronetto inserite nel film (che contiene ben 22 tracce) concentrandoci su quelle più significative e sui testi più comunicativi. Tutti i brani riarrangiati contano sulle parti vocali registrate in studio da Kit Connor, (Elton da giovane), Gemma Jones, Bryce Dallas Howard (sua madre nel film), Steven Mackintosh, Sebastian Rich, Rachel Muddon, Richard Madden, Celine Schoenmaker e Jamie Bell che interpreta il celebre paroliere Bernie Taupin.

Rocketman: Your Song è uno dei primi successi della collaborazione con Bernie Taupin

Considerato come il primo vero grande successo della fortunata collaborazione tra Elton e il poeta, paroliere e musicista Bernie Taupin Your Song è una ballad romantica nata da un appunto scritto dallo stesso Taupin verso un amore sconosciuto ( o forse mai esistito). Il brano è contenuto nell’album Elton John pubblicato nel 1987 ed è inoltre quello che conta il maggior numero di cover, da Rod Steward a Lady Gaga. Nel 2004 la rivista Rolling stones ha inserito Your Song al 136esimo posto della classifica dei 500 migliori brani di tutti i tempi.

It’s a little bit funny this feeling inside

I’m not one of those who can easily hide

I don’t have much money but boy if I did

I’d buy a big house where we both could live

If I was a sculptor, but then again, no

Or a man who makes potions in a travelling show

I know it’s not much but it’s the best I can do

My gift is my song and this one’s for you

https://youtu.be/3SReEhVLxYw

Rocketman: il successo di Crocodile Rock

È il 1973 e Crocodile Rock arriva al primo posto della classifica Americana dei singoli più venduti. Il brano, contenuto nell’album Don’t Shoot Me I’m The Only Piano Player è un rock ’n’ roll che affonda le sue radici nel pop rock degli anni 50-60 e che s’ispira alle sonorità dei Beach Boys (per il famoso falsetto) e il cosiddetto ritmo musicale honky tonk. Nel film il brano viene inserito nel live di John al night club Troubadour di Los Angeles nella notte del 25 agosto del 1970. Una performance rimasta nella storia del rock dal vivo che Rocketman riproduce piuttosto fedelmente.

I remember when rock was young

Me and Suzie had so much fun

holding hands and skimming stones

Had an old gold Chevy and a place of my own

But the biggest kick I ever got

was doing a thing called the Crocodile Rock

Tiny Dancer

La piccola ballerina “dagli occhi dolci, il sorriso da pirata e che sposerà un cantante” a cui si riferisce il testo della canzone è Maxine Feibelman, la prima moglie di Taupin conosciuta durante il primo tour statunitense nel 1970 e ora produttrice cinematografica. Il brano, ultra romantico e contenuto nell’album Madman Across The Water, è uno dei più lunghi composti dalla coppia John-Taupin, ben 6 minuti e 17 secondi. In Rocketman, Tiny Dancer è cantata da Egerton in un momento chiave della vita dell’artista: il suo incontro con il manager John Reid.

Hold me closer tiny dancer

Count the headlights on the highway

Lay me down in sheets of linen

You had a busy day today

Rocket Man (I Think It’s Going To Be A Long Long Time)

Il brano, che dà il titolo al biopic del 2019, racconta di un uomo razzo, un astronauta che trascorre tre mesi alla volta nella sua astronave lontano dalla moglie e dal figlio. Combattuto fra il suo amore per i viaggi verso le stelle e quello per la sua famiglia, il razzo dell’uomo, alla fine, precipita nel sole. La storia del brano, scritto ancora una volta da Taupin, s’ispira al racconto di fantascienza L’astronauta (The Rocket Man) di Ray Bradbury contenuto nel libro Il Gioco dei pianeti del 1950. La storia dell’astronauta e il suo dilemma interno fra i viaggi nello spazio e la mancanza della famiglia, rappresenta appieno il sentimento contrastato di John sul palco: volersi esibire e allo stesso tempo sentire di voler vivere una vita normale.

And I think it’s gonna be a long long time

Till touch down brings me round again to find

I’m not the man they think I am at home

Oh no no no I’m a rocket man

Rocket man burning out his fuse up here alone

Sorry Seems to Be The Hardest World

Contenuta nell’album Blue Moves del 1976, Sorry Seems to be The Hardest World è una ballad triste che racconta di una storia d’amore finita. Il brano mette in evidenza la drammaticità della voce di John grazie all’essenzialità della composizione musicale voce-piano. La canzone è stata riproposta più volte da diversi artisti (Joe Coker, Mina, Blue) che hanno omaggiato e rivisitato uno dei testi più belli della discografia del baronetto, scritta essenzialmente attraverso una serie di domande poste verso se stesso.

What have I got to do to make you love me?

What have I got to do to make you care?

What do I do when lightning strikes me?

And I wake to find that you’re not there?

Goodbye Yellow Brick Road

Goodbye Yellow Brick Road trae ispirazione da un’immagine tratta dal film Il mago di Oz di Victor Fleming. Nel film, Dorothy e i suoi amici seguono la strada di mattoni gialli alla ricerca del Mago di Oz, solo per scoprire che avevano già tutto quello che stavano cercando. Il brano è un addio in musica all’età dell’innocenza e al disagio provato da Taupin per la vita agiata e il successo avuto con (e grazie) a John. La canzone riproduce dunque la volontà di ritornare a quella vita tranquilla che si conduceva prima. Si dice, inoltre, che la canzone parlasse di Judy Garland, protagonista del film del 1939 e anch’essa attraversata da una vita di eccessi. Nel film di Dexter il famoso brano è cantato da Elton nella sequenza in cui l’artista, ormai in preda ai suoi demoni della dipendenza, prende un taxi giallo che lo dirige verso il rehab.

So goodbye yellow brick road

Where the dogs of society howl

You can’t plant me in your penthouse

I’m going back to my plough

Back to the howling old owl in the woods

Hunting the horny back toad

Oh I’ve finally decided my future lies

Beyond the yellow brick road

(I’m Gonna) Love Me Again è l’unico brano originale contenuto in Rocketman

Il brano, scritto appositamente da Taupin per il film, accompagna lo scorrere dei titoli di coda e chiude magistralmente un film che omaggia l’artista Elton John e il potere della musica. (I’m Gonna) Love Me Again ha vinto il premio Oscar per la miglior canzone originale, un Golden Globe, un Satellite Awards e un Critic’s Choice Awards. Il video ufficiale del brano contiene inoltre alcune scene del film Rocketman.

Ecco la lista di tutti i brani della colonna sonora di Rocketman:

  1. The Bitch Is Back 
  2. I Want Love
  3. Saturday Night’s Alright for Fighting
  4. Thank You for All Your Loving
  5. Border Song
  6. Rock n Roll Madonna 
  7. Your Song
  8. Amoreena
  9. Crocodile Rock
  10. Tiny Dancer
  11. Take Me to the Pilot
  12. Hercules
  13. Don’t Go Breaking My Heart 
  14. Honky Cat
  15. Pinball Wizard 
  16. Rocket Man
  17. Bennie and the Jets
  18. Don’t Let the Sun Go Down on Me
  19. Sorry Seems to Be the Hardest Word
  20. Goodbye Yellow Brick Road
  21. I’m Still Standing
  22. (I’m Gonna) Love Me Again

Ultime notizie

Downtown Abbey 2 colorerà Natale prossimo con eleganza e regalità

Downtown Abbey 2: sotto l'albero, un ritorno gradito Downtown Abbey è una leggendaria serie televisiva britannica in costume andata in...

Articoli correlati