Dove è stata girata Bridgerton? Tutte le location della serie Netflix

Bridgerton Cinematographe.it

È la serie tv del momento, e tutti abbiamo fatto binge watching per guardarla, anche chi lo nega. Bridgerton è appena approdata sugli schermi Netflix, ma già è diventata un successo globale grazie al sapiente mix di atmosfere deliziosamente regency, la giusta dose di intrighi e segreti dell’alta società inglese, e una sostanziosa dose di intrecci amorosi. La storia d’amore tormentata tra il burbero Simon (Regé-Jean Page) e l’ingenua Daphne (Phoebe Dynevor) è scritta in modo da tenerti incollato allo schermo, una prerogativa della ShondaLand, casa di produzione che ha portato in tv il primo degli otto romanzi scritti da Julia Quinn. Nel caso di Bridgerton, ad aggiungere ancora più fascino al tutto, ci pensano le location, maestose e regali come solo l’Inghilterra sa essere. Se volete fare un tuffo nelle magnifiche ambientazioni della serie, seguiteci in questa panoramica tra alcuni dei luoghi principali usati per le riprese, tra magnifiche ville storiche, rigogliose aree naturali e deliziose cittadine perfettamente conservate.

La Londra regency prende vita tra le case di Bath

Bridgerton CInematographe.it

Nonostante la famiglia Bridgerton si a strettamente legata a Londra, una buona parte delle riprese si sono effettivamente svolte in un’altra location. Molte delle scene della serie, infatti, sono state girate nella cittadina di Bath: è una bellissima località collocata nella campagna sud-ovest dell’Inghilterra, famosa per le sue terme romane e per la sua magnifica architettura in stile georgiano. Simbolo di Bath è la famosa Royal Crescent, la fila di case a schiera ideata da John Wood fra il 1767 e il 1774. Sono proprio le case e le vie di Bath a ricreare l’illusione di essere a Londra: così questa particolare via viene scelta per diventa Mayfair, anche se è facile riconoscere Grosvenor Square nella mezzaluna dove si affacciano le case dei protagonisti. La produzione ha usato anche qualche trucchetto, per rendere ancora più sfarzose le sue location, unendo in una sola ripresa due edifici diversi. Questo è successo, per esempio, al Bath Assembly Rooms e al museo di Holburne, che al pubblico arrivano come un’architettura sola grazie al montaggio. Bath fa da sfondo anche a molte scene all’aperto: appaiono, durante le passeggiate dei protagonisti, Trim street, Beauford square e Barton street, oltre che il maestoso platano antico dell’Abbey Green. Anche la piccola bottega di abiti “Modiste” si trova a Bath, e nella realtà è un delizioso caffè nascosto tra le vie pittoresche del centro storico. Si chiama Pickled Green, ed è uno dei tanti locali dove provare i piatti tipici della cucina di Bath, come il Bath Bun, un panino dolce ricoperto di zucchero, le le squisite pies, soprattutto quella a base di manzo e birra (la più buona la prepara il pub The Raven of Bath).

La casa della famiglia Bridgerton e le altre ville

Bridgerton Cinematographe.it

Protagoniste tanto quanto i personaggi sono le magnifiche residenze in cui risiedono le famiglie intorno a cui si sviluppa la storia. La bella facciata di casa Bridgerton è la Ranger’s House di Greenwich Park a Londra: nella vita reale non è una casa, ma ospita una ricca collezione d’arte. Proprio per questo, per gli interni è servita un’altra location, nello specifico l’Halton House all’interno della RAF Halton, una base della Royal Air Force nel Buckinghamshire. La villa, che in realtà sarebbe la mensa degli ufficiali, non è la prima volta che viene usata sul grande e piccolo schermo: appare, infatti, in opere come The Crown, Downton Abbey, Orgoglio e Pregiudizio e Il discorso del re. La stessa residenza viene usata in Bridgerton anche per alcune aree della casa della famiglia Featherington, che invece all’esterno è il Royal Crescent Museum di Bath.

Come non citare, poi, le magnifiche residenze dell’affascinante Duca. Per dare vita a Hastings House, la dimora londinese di Simon, si è usato l’esterno della Wilton House, antica dimora storica che si trova Salisbury, mentre per gli interni sono state scelte le magnifiche sale della Badminton House nel Gloucestershire e della Syon House a Londra. Per quanto riguarda il maestoso castello di Clyvedon, gli esterni e la maggior parte degli interni sono stati girati a Castel Howard, celebre dimora situata a York. Alcune scene integrano, però, anche altre location: la sala da pranzo, per esempio, è quella di Wilton House, mentre per la scena d’amore sotto la pioggia di Simon e Daphne è stato scelto il Temple of the Four Winds, un piccolo edificio in pietra progettato dall’architetto di Castle Howard nei primi anni del 1700.

E parlando di dimore, come si possono non si citare gli sfarzosi saloni in cui si muove la Regina Carlotta. Il suo trono esiste davvero, ed è quello della Single Club Room della Wilton House di Salisbury. Il resto delle location legate a Sua Maestà sono invece nella capitale: St. James’s Palace, la sua residenza part-time, è all’esterno l’Hampton Court Palace, un palazzo storico che un tempo fu la residenza preferita del re Enrico VIII. Per gli interni, invece, la scelta è ricaduta su una dimora che spesso viene usata per interpretare Buckingham Palace. Si tratta della Lancaster House, una lussuosa villa di Londra che è degna dei reali, tanto che la Regina Elisabetta in persona ci organizza i suoi eventi. Una curiosità: Lancaster House venne costruita, in realtà, nel 1825, e questo significa che l’ambientazione di Bridgerton precede la nascita della residenza.

Un altro indirizzo molto interessante è il numero 104 di Pall Mall: siamo nel cuore di Londra, dove si trova il The Reform Club. Si tratta di un esclusivo club per gentiluomini a cui, nel corso della storia, sono stati iscritti personaggi illustri di ogni genere, da reali a scrittori, da Lord ad artisti. La produzione di Bridgerton ha scelto proprio questo luogo esclusivo per moltissime scene, tra cui tutte quelle che riguardano il White’s Gentleman’s Club, le scalinate dell’Opera House e la biblioteca di Clyvedon Castle.

Le promenade, tra parchi e giardini

Bridgerton Cinematographe.it

Se c’è una cosa che abbiamo capito guardando Brdgerton, è che nel 1700 si passeggiava tanto, tantissimo. La promenade, infatti, non era una semplice camminata nella natura, ma una vera e propria occasione sociale, in cui ci si incontrava, ci si corteggiava e si spettegolava, ovviamente. Ecco che quindi la scelta di parchi e giardini, per la produzione, è diventata importante tanto quanto quella di ville e castelli. E proprio come in quel caso, non necessariamente la location fittizia corrisponde a quella usata realmente. I protagonisti, infatti, passeggiano in famosi parchi londinesi come Hyde Park, Hampstead Heath, Battersea Fields e Rotten Row, che in realtà hanno preso vita presso Wilton House, Somerley House nell’Hampshire e Windsor Great Park. Per ricreare i giardini botanici sono stati scelti giardini di Painshill Park e il giardino del Surrey del XVIII secolo, mentre tutte le scene di Kensington Garden sono state girate al Sunbury Park e al Walled Garden, nel sud-ovest di Londra, proprio sul Tamigi. Altre immagini di promenade e scene all’esterno, invece, sono state filmate al Greenwich Park Rose Garden vicino al centro di Londra.

Le scene di ballo

Bridgerton_Cinematographe.it

Uno degli elementi che fanno sognare di più, guardando il film in costume, sono le scene di danza. Romantici ed eleganti, i balli erano le occasioni sociali più ambite: come non desiderare, ammirandole, di volteggiare in abiti da sogno, al ritmo di dolci violini, tra le braccia di un affascinante e misterioso Duca? Proprio per questo in Bridgerton è stata riservata una particolare attenzione nello scegliere le location per le scene di ballo. Molte sono state girate a Bristol, in particolare a Leigh Court, dentro Castel Howard a York e presso l’ Holburne Museum a Sydney Pleasure Gardens, la prima galleria d’arte pubblica di Bath che custodisce interessanti arti decorative. Molto usati anche gli interni georgiani della Banqueting Room nella Guildhall di Bath, una location molto famosa e molto usata per i matrimonio in grande stile. In Bridgerton, però, molti balli ed eventi si svolgono all’aperto: per la danza onirica di Daphne nell’episodio tre è stata usata la Dundridge Manor Farm, bellissima tenuta situata a nord-ovest di Londra. Il raffinato evento organizzato dal Duca e dalla Duchessa di Hastings presso Clyvedon Castle, invece, è stato ripreso nei cortili di Badminton House, nel Gloucestershire. Una vera e propria sfida, per la produzione, è stata ricreare i Vauxhall Pleasure Gardens, giardini di piacere che erano situati a pochi passi da Buckingham Palace, ma che non esistono più come da almeno duecento anni. E allora, quest’area pubblica dove si trovava intrattenimento dal vivo, è stata semplicemente ricreata: per farlo, sono stati scelti Castle Howard e Stowe Park, con il suo romantico Tempio di Venere.